Università

5 cose che le aziende vogliono da te

Ecco 5 cose che le aziende cercano nei candidati e che, al di là delle esperienze sul cv, possono pesare a tuo favore.
02 Novembre 2015

Laurea presa, e poi? Giornate intere a inviare il curriculum pieno di certificazioni, corsi di formazione, piccole esperienze. Ma poi, quando arriva il colloquio per il lavoro dei sogni, non sempre va tutto per il verso giusto. E ti viene da chiederti: perché? In tuo aiuto arrivano i suggerimenti di AlmaLaurea: sei sicuro di avere dato il giusto spazio alla presentazione delle tue capacità? Infatti, alcune competenze trasversali (o soft skills) sono sempre più ricercate dalle aziende, e ad oggi contano quanto la lista di tutte le occupazioni passate e dei titoli di studio presi. Ecco quali sono le più richieste, che è davvero prezioso saper vendere.

 

Scopri le soft skills che ti faranno assumere!

 

#5 RESISTENZA ALLO STRESS - La scuola ti opprimeva? L'università ti stancava? Niente in confronto al lavoro: urgenze, straordinari, problemi potrebbero attentare alla tua salute mentale! Riuscirai a mantenere la calma e a tornare al lavoro ogni mattina con il sorriso sulle labbra? Questa si chiama resistenza allo stress. Dimostralo durante il colloquio portando esempi concreti in cui hai dato prova di questa capacità.

#4 PROBLEM SOLVING - Quando tutto va storto, niente panico: a tutto c'è una soluzione ottimale. E' questo atteggiamento che le aziende cercano dall'impiegato ideale. Puoi offrirlo? E' la carta da giocare durante il colloquio quando ti si chiederà di descrivere le tue qualità.

#3 CAPACITA' RELAZIONALI - Comunicazione, empatia, orientamento al cliente. Ma anche la capacità di lavorare in team e mantenere un sano ambiente lavorativo. Le tue esperienze precedenti parleranno al posto tuo: ad esempio, se hai fatto esperienza di animazione o di baby sitting, o come addetto alle vendite, sarà evidente la tua buona propensione al rapporto con gli altri. Non sottovalutare, comunque, l'importanza di dare un'ottima prima impressione a chi ti farà il colloquio.

#2 IMPEGNO E MOTIVAZIONE - Vuoi, vuoi, fortissimamente vuoi quell'impiego. Manifestalo! Aspetta però: supplicare il direttore del personale non è il modo giusto. Un ottimo espediente è quello di presentarsi al colloquio determinati, curare ogni dettaglio, scrivere una lettera di presentazione che metta in luce la tua motivazione e, nel caso di un periodo di prova in stage o tirocinio, dare il massimo in maniera continuativa.

#1 FLESSIBILITA' - E' la capacità di adattarsi all'organizzazione e al contesto lavorativo. Insomma, qualsiasi sia la tua mansione, sai dare il meglio e ti adatti perfettamente alle novità e ai cambiamenti. Ti senti flessibile? Non sottovalutare questa caratteristica. Scrivi, sul tuo curriculum, esempi concreti di esperienze in cui hai dimostrato la tua abilità.

 

Pubblicato su "Skuola.net" il 23 ottobre 2015

 


Iscriviti alla Newsletter AlmaLaurea! Ogni mese potrai ricevere una selezione di interviste, articoli e indagini pubblicati su AlmaLaurea.it.

Conosci qualcuno interessato a ricevere la Newsletter AlmaLaurea? Invitalo subito a iscriversi!