Università

Gli impatti della globalizzazione economica sui sistemi giuridici

Il Master in Comparative Law, Economics, and Finance dell’International University College of Turin fornisce gli strumenti per la comprensione dinamiche e fenomeni internazionali. Iscrizioni entro il 15 settembre 2017.
13 Luglio 2017

Comprendere gli effetti che la globalizzazione economica e finanziaria ha sui sistemi giuridici nazionali, sovranazionali ed internazionali. È questo l’obiettivo del Master in Comparative Law, Economics, and Finance (CLEF) promosso dall’International University College of Turin e diretto dal professor Ugo Mattei.

Professore, come si sviluppa il percorso didattico del Master?

“Il Master fornisce gli strumenti analitici necessari per la comprensione dei fenomeni connessi all’impatto della globalizzazione economica e finanziaria sui sistemi giuridici nazionali, sovranazionali ed internazionali, che hanno portato allo sviluppo di nuove forme di organizzazione e regolamentazione che, avendo un eminente carattere transnazionale, sfuggono alle categorie analitiche tradizionalmente utilizzate dalla scienza giuridica. Particolare attenzione è dedicata al rapporto e alle interazioni tra soggetti pubblici e privati nel contesto economico globale, nonché ai mutamenti che hanno interessato il public/private divide, con particolare approfondimento della categoria dei beni comuni e della loro terzietà rispetto alle categorie del pubblico e del privato. Infine vengono affrontati i problemi posti dalle nuove forme di regolamentazione rispetto alla salvaguardia di valori fondamentali, quali la tutela dei diritti umani, il rispetto dei principi democratici, la protezione dell’ambiente”.

Come vengono affrontate le tematiche del Master?

“In chiave multidisciplinare, attraverso l’attivazione di corsi di diritto comparato, pubblico e privato, diritto commerciale, diritto internazionale e diritto dell’Unione europea, ai quali si affiancano insegnamenti di economia politica e di scienze delle finanze, così da offrire agli studenti una migliore comprensione di fenomeni complessi. In questo contesto, si fa ricorso a diverse forme di didattica. Accanto a lezioni frontali, si tengono incontri seminariali, esercitazioni su casi pratici, nonché attività di moot courts e legal clinics”.

A chi è rivolto?

“A tutti coloro che desiderano approfondire lo studio multidisciplinare, critico, teorico e pratico delle istituzioni del capitalismo globale. L’apprendimento avviene grazie al loro studio intensissimo e attivo e al loro processo di ricerca, ovviamente seguiti e diretti dai docenti.”.

Quali profili professionali forma?

“L’obiettivo scientifico di base consente di formare una professionalità dotata di competenze tali da sapersi destreggiare tanto nei labirinti della finanza quanto in quelli della (il)legalità internazionale, culturalmente sensibile alle diversità istituzionali dei mercati diversamente localizzati e tecnicamente equipaggiato per affrontare le sfide, anche imprenditoriali, di nuove responsabilità professionali”.

Diritto, economia e finanza come si coniugano in un mondo sempre più globalizzato?

“La crisi economica globale rende particolarmente evidenti le ragioni per cui le istituzioni giuridiche, politiche e finanziarie vanno studiate in modo sistematicamente congiunto. Il Master ha saputo collocarsi al centro di una rete internazionale di studio critico, che ha fatto della ricerca di base ed applicata sugli aspetti istituzionali del capitalismo globale la propria vocazione. Il nostro approccio si fonda sulla ricerca e sulla didattica in lingua inglese e su una concezione ampia del diritto e della finanza come istituzioni fondamentali del capitalismo globale, comprensibili soltanto tramite uno studio critico e multidisciplinare. Abbiamo, inoltre, sviluppato una vocazione globale e cosmopolita, attenta al nord quanto al sud del mondo.

Quali sono i plus per gli studenti?

“I nostri studenti sono in grado di affrontare ed inquadrare un problema giuridico con particolare sensibilità e hanno la capacità di cogliere il contesto economico e sociale in cui esso è sorto. Molta attenzione è rivolta alla dimensione economica e antropologica dei problemi, alla dimensione internazionale e comparata delle istituzioni e ad altri contesti quali l’Asia, Africa, America Latina, troppo spesso trascurati in quanto ritenuti periferici. Oggi il contesto internazionale richiede professionisti dotati di questa formazione a 360° gradi”.

Sono previsti stage?

È previsto per gli studenti che lo scelgano un ampio programma di formazione clinica sul diritto di asilo e dell'immigrazione. La formazione clinica ha l'obiettivo generale di fornire agli studenti una visione concreta e critica delle problematiche giuridiche e di offrire un’assistenza “pro bono” ai richiedenti asilo, rifugiati e migranti. Più in dettaglio, gli studenti clinici contribuiscono all’assistenza legale presso gli sportelli legali migranti gestiti dai partner della clinica (CGIL, CISL, UPM, CUB, USB, Gruppo Abele, PIAM etc.). Durante i 4-5 mesi di attività pratica, da marzo fino a luglio, ogni settimana gli studenti (organizzati in coppie) assistono al servizio di consulenza dello sportello, per una media complessiva di circa 10-15 turni. Ad ogni incontro, unitamente allo staff dello sportello, gli studenti incontrano diversi richiedenti asilo, rifugiati o migranti, registrandone le domande. In caso di necessità di un intervento legale, gli studenti predispongono – sotto la supervisione dello staff dello sportello e di un avvocato specializzato – il necessario sostegno legale.

Quali prospettive occupazionali ci sono per diplomati a questo master?

“Negli ultimi tre anni oltre 30 diplomati CLEF (il 40% circa) hanno proseguito i loro studi vincendo un dottorato con borsa triennale completa, in Italia o all’estero. Altri hanno trovato impiego presso studi legali internazionali. Altri ancora hanno proseguito con stage e poi consulenze presso agenzie internazionali, come ILO, ITC-ILO, UNCITRAL, e FAO”.

 

 

SCHEDA MASTER

Tipologia Master: Master di primo livello, 60 CFU

Sito web:  http://www.iuctorino.it/

Posti disponibili: 36

Durata del corso: 12 mesi

Periodo di svolgimento: 01/18 – 12/18

Modalità didattica: Frequenza obbligatoria a lezioni e seminari

Lingua: Inglese

Frequenza: Tempo pieno

Sede del corso: Campus Luigi Einaudi, Torino

Scadenza presentazione domande di ammissione: 15/09/2017

Modalità di selezione: Per titoli ed eventuale colloquio. Titolo di studio: Laurea pre riforma, Laurea Triennale, Laurea Magistrale/Specialistica; Lauree del vecchio ordinamento: Tutte le lauree; Tutte le lauree di I e di II livello; Titoli di studio conseguito all’estero e riconosciuto idoneo da parte del Comitato Scientifico in base alle modalità previste dall’art. 2.5 del Regolamento per la disciplina dei Master. NON è necessario il possesso dell’abilitazione all’esercizio professionale

Quota di partecipazione: euro 750

Agevolazioni/borse di studio: Sì

Per informazioni: direttore@iuctorino.it