Lavoro

Ingegnere nell'automotive

Dalla triennale in Ingegneria industriale alla magistrale in Automotive Engineering, oggi Carlos Alberto Mariani lavora in Italdesign grazie a una candidatura con AlmaLaurea. Nel suo curriculum due esperienze internazionali e due tirocini.

A una sola settimana dalla conquista del titolo di studi in Ingegneria Carlos Alberto Mariani, classe 1994, nato a Rionegro in Colombia, ha trovato occupazione.

Adottato all’età di tre anni da genitori italiani, ha vissuto a Teramo, in Abruzzo, e oggi lavora a Torino come Ingegnere specializzato nel settore dell’Automotive per Italdesign, azienda leader a livello mondiale nella fornitura di servizi di sviluppo per l'industria automobilistica. “E’ l’azienda dove ho sempre voluto lavorare, a cui mi sono candidato tramite AlmaLaurea, e dove sono stato assunto con un contratto di alto apprendistato”, racconta Carlos Alberto Mariani.

Qual è stato il tuo percorso formativo?
“Mi sono laureato nel 2016, prima del termine canonico del corso di studi, in Ingegneria industriale all’Università Politecnica delle Marche con una tesi in Modellazione e simulazione virtuale di un sistema per preriscaldare gli stampi. Ho proseguito con la magistrale in Automotive Engineering al Politecnico di Torino con indirizzo in Propulsion System Development, ovvero lo studio dei sistemi Powertrain; un percorso internazionale totalmente in lingua inglese. È stata un’esperienza molto formativa e pratica: le lezioni erano coinvolgenti, si lavorava spesso in team e questo mi ha permesso di entrare in contatto con colleghi di altre nazionalità”.

Durante gli anni di studio hai svolto delle esperienze internazionali, perché ti sono servite?
“Prima della magistrale sono stato un mese a Bournemouth, nel Regno Unito, all'istituto Kaplan international Bournemouth. La mia prima esperienza a contatto con un clima interculturale; un modo per imparare l'inglese, ma anche per relazionarmi con persone provenienti da tutto il mondo. Nel 2017, con una borsa di studio, ho partecipato ad un workshop in lingua inglese, 'Project and People Management', a Shanghai; un mese di lezioni ed esperienze pratiche dove ho maturato un know-how specifico nella gestione dei progetti industriali e delle relazioni interpersonali all'interno di un contesto aziendale. Il corso era focalizzato sul lavoro in team e, attraverso le testimonianze di esperti del settore, mostrava in che modo lavora un project manager. È stato molto utile perché mi ha dato sicurezza e mi ha insegnato a gestire il mio tempo”.

Nel tuo curriculum sono presenti anche esperienze di tirocinio.
“Durante la triennale ho svolto un tirocinio curriculare al Politecnico delle Marche e nel 2018 ne ho svoto uno post-laurea con il Politecnico di Torino in Leonardo for Integration srl: un percorso nell’ambito dell’engineering e della progettazione che mi ha permesso di apprendere le metodologie utili alla realizzazione di presentazioni tecniche e riunioni di aggiornamento. È in questo contesto che ho imparato a gestire il mio tempo e a definire le priorità di lavoro”.

Come sei entrato in Italdesign?
“Grazie al sito di AlmaLaurea ad agosto del 2018 ho inviato una candidatura ad Italdesign, l’azienda dove ho sempre voluto lavorare. Sono stato contatto dallo staff di AlmaLaurea per un processo di selezione che si è svolto in diverse fasi. Un colloquio via skype, un assessment di gruppo con Italdesign, un colloquio psicologico e infine un colloquio tecnico. È stato un processo lungo ma soddisfacente e professionale, che ha permesso ad ogni candidato di mostrate le sue abilità e le sue caratteristiche personali”

Di che cosa ti occupi?
“Oggi lavoro in Italdesign nel ruolo di calibratore di motori con un contratto di alto apprendistato. Realizzerò anche attività di collaudo su strada delle vetture analizzando le emissioni degli inquinanti nei cicli RDE (Real Driving Emission) e avrò l’opportunità di andare in trasferta in Germania, all’interno di Audi. A questo proposito stiamo facendo corsi intensivi di tedesco”.

Cosa ti stimola di questa azienda?
“E’ una realtà molto dinamica che ti permette di imparare lavorando sul campo e, al contempo, di formarti grazie a percorsi interni di specializzazione. L’assunzione con contratto di alto apprendistato ti offre un tempo indeterminato e, allo stesso tempo, una formazione di livello specialistico. Sto infatti svolgendo un master del Politecnico di Torino di due anni in Thermal management. Un percorso che mi permette di maturare delle competenze nuove e, allo stesso tempo, di interfacciarmi su differenti fronti con i miei colleghi. Un ambiente di lavoro come questo ti permette di crescere non solo a livello professionale ma anche personale, ti insegna a lavorare in gruppo, a saper ascoltare e condividere con umiltà e desiderio di migliorarsi”.

 

Leggi i focus
Ingegneria industriale, dall'università al mercato del lavoro