Lavoro

S-Election Day

Giovedì 9 maggio a Milano AlmaLaurea e Cesop promuovono l’incontro tra aziende e laureati già selezionati secondo i profili richiesti. Anche le lauree trasversali sono valorizzate
08 Maggio 2013

È un incontro a “porte chiuse”, cui potranno accedere soltanto i candidati che rispondono ai requisiti richiesti dalle singole aziende e che sono stati preselezionati da AlmaLaurea. Si tratta del primo S-Election Day, promosso a Milano giovedì 9 maggio da AlmaLaurea e da Cesop.

Le aziende partecipanti sono tutte di rilievo a livello internazionale: Altran Italia, Bnp Paribas, Bosch, Indesit, Lidl, Pharmanutra e Sace Assicurazioni. Cosa cercano? Sono 19 i profili richiesti, in particolare ingegneri junior e con esperienza, laureati in Economia per il settore finanziario, contabile ma anche giovani con lauree più trasversali per le aree sales, acquisti, marketing. Prevalgono, nell’offerta di lavoro, le posizioni di stage, ma un’azienda come Altran cerca soprattutto ingegneri con anni di esperienza lavorativa. E partecipa anche Pharmanutra che cerca informatori scientifici e commerciali che saranno formati e indirizzati ad una carriera in questo settore.

S-Election Day è il nuovo progetto pilota ideato e realizzato da AlmaLaurea e Cesop Communication per aiutare le aziende a individuare i profili più critici e difficili da reperire nel mercato del lavoro e a conoscere in modo approfondito - senza limiti di area geografica o disciplinare - i propri candidati.

Le candidature arrivate per l’evento sono state oltre diecimila in un mese. Fra tutti coloro che si sono candidati per le specifiche posizioni offerte dalle aziende, AlmaLaurea ha realizzato uno screening dei curricula sulla base dei requisiti richiesti.
All’evento parteciperanno circa 400 candidati già pre-selezionati.

Uno dei punti critici nell’inserimento dei laureati nel mondo del lavoro è quello della mancata corrispondenza tra le caratteristiche del capitale umano offerto dai lavoratori e quello richiesto dalle imprese. Per capire meglio i profili ricercati dalle aziende, AlmaLaurea ha intervistato, da gennaio a febbraio 2013, circa 200 aziende di medio-grandi dimensioni (il 40% con più di 50 dipendenti) prevalentemente del Nord Italia, in particolare nei settori informatica/elettronica, logistica/trasporti, servizi, meccanica/metalmeccanica, credito e assicurazioni.

Le aree disciplinari più richieste continuano ad essere Ingegneria (40,7% delle aziende richiede candidati provenienti da questo percorso di studi) e le lauree in ambito economico-statistico (22%). A ruota segue Informatica con il 14%. Se si guarda invece al numero medio di inserimenti previsti per area disciplinare le cose cambiano in modo significativo. Le lauree più “trasversali” (Giurisprudenza, Lingue, Lettere e Psicologia) risultano apprezzate: il numero medio di inserimenti previsti in un anno va dai 18 di Lettere ai 26 di Giurisprudenza, contro i 14 del gruppo Economico-statistico e i 10 di Ingegneria. I laureati provenienti da queste discipline sono inseriti prevalentemente nelle aree customer care/help desk, amministrazione, segreteria, risorse umane, legale, ma anche Marketing e comunicazione, purché in possesso di competenze trasversali.

I requisiti richiesti dalle imprese.
L’85% delle aziende richiede la conoscenza dell’inglese. Oltre alle lingue le aziende valutano come fattori rilevanti nella scelta dei candidati le esperienze di stage/tirocinio richieste dal 34% delle aziende intervistate, ma anche le esperienze di lavoro durante gli studi (29%) e dopo (38%).
Il Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati conferma il valore aggiunto degli stage nell’inserimento professionale dei laureati.
Le aziende puntano anche sulle cosiddette soft skills, un’ampia sfera di capacità relazionali e comportamentali ormai ritenute indispensabili: flessibilità, impegno lavorativo, motivazione, problem solving e capacità relazionali, mentre a fondo scala troviamo leadeship e capacità decisionale.