Università

Tre ragazze fra i cinque premi della Start Cup Campania 2013

Ecco il risultato della Start Cup Campania 2013, la business competition dei sette atenei campani.
26 Settembre 2013

Prima una laureata dell’Università Parthenope. Seconda una di quella di Salerno. Quinta di nuovo una ragazza della Parthenope. Tre donne nei primi cinque posti. Così il risultato della Start Cup Campania 2013, la business competition dei sette atenei campani. La finale si è svolta a Benevento, a Palazzo San Domenico dell’Università degli Studi del Sannio. Nell’occasione sono stati premiati i cinque business plan dei gruppi finalisti della competizione regionale, che parteciperanno alla fase nazionale del Premio Nazionale dell'Innovazione.

Ecco la classifica:

1° : Università Parthenope – Giuseppina Roviello - settore Green - con il progetto “Film colesterolici fotostabili per la riflessione e/o la trasmissione selettiva della luce per la realizzazione di vetri intelligenti;
2° :Università di Salerno – Simona Pisanti - settore Medicina e Salute - con il progetto “EPC-up: cellule endoteliali progenitrici come biomarker di prevenzione, diagnosi, prognosi e follow up delle patologie associate all’angiogenesi;
3°: Università SUN – Zeni Luigi - settore Green – con il progetto “Sistemi di misura distribuita in fibra ottica per il monitoraggio permanente di grandi strutture, impianti e territorio”;
4°: Università Federico II – Marco Meola - settore Ict – con il progetto “REHUB – Research Gallery”;
5°: Università Parthenope – Pasqualina Buono - settore Bio e nano – con il progetto “Sviluppo di nuove metodologie per il Passaporto biologico”.

Start Cup Campania 2013 è un Premio per l’Innovazione promosso dalle Università campane. Quest’anno la direzione del Premio è spettata all’ateneo sannita. Si tratta di una vera e propria business plan competition, il cui obiettivo è quello di sostenere la ricerca e l’innovazione tecnologica finalizzata allo sviluppo economico e alla nascita di imprese ad alto contenuto di conoscenza.
In finale sono arrivati 33 progetti (dei 126 iscritti in partenza): di cui quattro  dalla Federico II, uno ciascuno dall’Orientale e dal Suor Orsola, sei dalla Parthenope, quattro da Salerno, dodici dalla SUN, cinque dall’Università del Sannio. Diversi i settori, dall’Ict al green, dalla medicina alla biologia, dal settore alimentare alla comunicazione.

I cinque vincitori premiati parteciperanno all’11° Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI) che vedrà in gara i vincitori delle competizioni locali delle Università ed Enti di Ricerca associati al PNICube e che quest’anno si svolgerà a Genova il 30 e 31 ottobre nell’ambito del Festival della Scienza (23 ottobre – 3 novembre).