Lavoro

La capacità di adattamento sul lavoro conta più dell’esperienza

Istruzione ed esperienza continuano ad essere una discriminante importante, ma sono ben lungi dall'essere gli unici fattori con cui, oggi, va valutata l'idoneità di un professionista.
11 Novembre 2013

I responsabili delle risorse umane stanno cominciando a privilegiare nei professionisti una maggiore flessibilità, intesa come capacità di adattarsi alle richieste del mercato di domani, ridimensionando il peso di abilità tecniche ed esperienze acquisite. E' quanto emerge da un'analisi di Hays, uno dei leader del recruitment in middle e top management.

"Ora come ora - afferma Carlos Manuel Soave, managing director di Hays Italia - un approccio basato sulle sole competenze tradizionali non è più sufficiente. Educazione ed esperienza dei candidati continuano ad essere una discriminante importante in fase di colloquio, ma sono ben lungi dall'essere gli unici fattori con cui, oggi, va valutata l'idoneità di un professionista".

Di pari passo con l'evoluzione del mercato del lavoro, i responsabili delle risorse umane devono essere in grado di individuare i lavoratori che fanno proprio dell'adattabilità il loro asso nella manica. "La domanda - continua Soave - è come?". In un certo senso, il compito delle risorse umane è diventato ancora più arduo. L'obiettivo della selezione è di vagliare i risultati raggiunti da un professionista nel suo excursus lavorativo, così da avere un'idea di quali risultati potrà raggiungere in futuro. Ma in un mondo del lavoro dove i ruoli, le competenze e gli obiettivi cambiano di mese in mese, per non dire di settimana in settimana, la valutazione dell'esperienza passata non è più garanzia di successo futuro".

"Gli attuali strumenti delle hr (analisi del ragionamento verbale e astratto, delle capacità matematiche e del pensiero logico non verbale) - avverte - sono utili per valutare l'idoneità dei candidati per i ruoli esistenti, ma si rivelano deboli per le esigenze dell'immediato futuro".

"E' auspicabile - conclude Carlos Manuel Soave - un'evoluzione nelle tecniche di selezione, che per esempio considera social network e tecnologie digitali un alleato di fondamentale importanza per individuare i candidati più adatti a rispondere alle nuove risorse del mercato. Attenzione però a non dimenticare il lato umano: per evitare di scadere in un colloquio sterile e poco produttivo, ai tool della selezione più specifici, i recruiters devono saper alternare una buona dose di istinto".