Lavoro

AlmaLaurea a Job&Orienta 2013

AlmaDiploma e AlmaOrièntati hanno portato il loro know how a Job&Orienta, il salone nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, alla Fiera di Verona.
18 Novembre 2013

AlmaDiploma e AlmaOrièntati portano il loro know how a “Job&Orienta", il salone nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, in programma alla Fiera di Verona.

Le strutture del Consorzio dedicate alle scuole superiori sono nell’area espositiva riservata al Ministero dell'Istruzione. Un Parco dell’orientamento è stato creato per aiutare i giovani che stanno per concludere la scuola superiore nella scelta del loro futuro. Nel “parco” si può sperimentare una parte del percorso AlmaOrièntati, messo a punto da AlmaLaurea e AlmaDiploma per orientare i giovani alla scelta universitaria.

Nell’ambito della manifestazione sono previsti, nell’arena centrale, anche incontri riservati ai docenti orientatori degli istituti superiori e delle università dove saranno presentati i contenuti e la metodologia che stanno alla base degli strumenti AlmaDiploma e AlmaOrièntati.

Una sezione della Fiera è dedicata al lavoro: si chiama TopJob (a ingresso libero), una rassegna espositiva dedicata ai laureati e diplomati in cerca di lavoro e ad aziende che hanno progetti di inserimento, dove sarà presente AlmaLaurea Srl con un suo stand e i suoi servizi

L'Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca educativa (Indire) su incarico del Ministero dell'Istruzione ha presentato a Job&Orienta i dati sull'alternanza scuola-lavoro che coinvolge 227.886 studenti, 3.177 scuole, 77.991 strutture in tutta Italia. L'alternanza scuola-lavoro è una metodologia di insegnamento innovativo rivolta agli studenti che hanno compiuto 15 anni. Nell'anno scolastico 2012-2013 il 45,6% delle scuole secondarie di secondo grado (3.177 su 6.972) ha attivato percorsi di questo tipo: di queste, il 44,4% sono istituti professionali, il 34,2% tecnici, il 20% licei, l'1,5% altri istituti. I 227.886 studenti coinvolti sono pari all'8,7% della popolazione studentesca contro il 7,5% dell'anno precedente, evidenziando un aumento del 20,3%; per la maggior parte si tratta di iscritti agli istituti professionali (65,5%), a seguire studenti degli istituti tecnici (24,3%) e dei licei (9,5%). Numeri in crescita (+19,2%) anche per quanto riguarda le strutture ospitanti, tra imprese, studi professionali, enti della pubblica amministrazione, associazioni di categoria, sindacati, scuole e asili, centri per l'impiego, onlus e associazioni di volontariato, centri studi: 77.991 in tutto, di cui il 58,2% (45.365) sono imprese. Per queste, i settori produttivi maggiormente rappresentati sono legati alle ''attività dei servizi alloggio e ristorazione'' (il 29,4% del totale), seguono le ''manifatturiere'' (20,7%), ''altre attività di servizi'' (13,7%), e le ''professionali, scientifiche e tecniche'' (10,9%). 

Alla manifestazione di Verona ha inviato un videomessaggio anche Papa Francesco. "Oggi, i giovani e i vecchi - osserva - vengono considerati scarti perché non rispondono alle logiche produttive in una visione funzionalista della società, non rispondono ad alcun criterio utile di investimento. Si dice sono 'passivi', non producono, nell'economia del mercato non sono soggetti di produzione”. “Non dobbiamo dimenticare, però - ammonisce il Pontefice - che i giovani ed i vecchi portano ciascuno una loro grande ricchezza: ambedue sono il futuro di un popolo".