Università

Un sito per misurare l’imprenditorialità degli atenei europei

Commissione europea e Ocse lanciano un portale per aiutare gli atenei ad autovalutarsi.
20 Novembre 2013

Un sito per misurare l’imprenditorialità degli atenei europei. Lo lancia Commissione Ue insieme all’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Il sito internet https://heinnovate.eu/intranet/main/index.php permetterà ad ogni ateneo di misurare il proprio grado di imprenditorialità e individuare in quali aree è più carente. Non si tratta di un giudizio esterno, spetterà ad ogni singolo istituto autovalutarsi attraverso un test che riguarda sette diverse aree: leadership e governance, capacità organizzative, insegnamento e apprendimento, percorsi per imprenditori, scambio tra università e impresa, prospettiva internazionale e misurazione dell’impatto della formazione. Gli atenei, dice la Commissione europea, non possono limitarsi ad insegnare: devono essere “università imprenditoriali”, in grado di far fronte alle continue rivoluzioni nel mondo dell’informazione e della comunicazione, alla crisi economica, alla globalizzazione.

Il portale, gratuito, non conserverà i dati per stilare graduatorie: i risultati rimarranno di proprietà dell’ateneo che si è sottoposto al test.

In ciascuna delle sette aree di valutazione, le università si devono assegnare un punteggio da 1 a 10 in risposta a diverse affermazioni per valutare il ruolo dell’imprenditorialità nella formazione offerta. A questo punto il sito genera un risultato e sottolinea i punti forti e quelli deboli, ma aiuta anche l’università a immaginare una strategia di miglioramento, fornendo link a esempi di buone pratiche.

“Le capacità imprenditoriali e gli atteggiamenti mentali sono più importanti che mai nel mercato globalizzato di oggi e questo vale tanto per le università quanto per le imprese” dice il Commissario europeo per l’istruzione, Androulla Vassiliou. “Sono fiduciosa – aggiunge – che questa nuova iniziativa incoraggerà le istituzioni europee di istruzione superiore a diventare più imprenditoriali e più aperte alle opportunità”.