Lavoro

Linkedin per studenti e altre istruzioni per l’uso del social recruiting

Linkedin, oltre alle pagine aziendali, ha creato le University Pages e ha abbassato l’età minima di iscrizione a 13 anni.
11 Dicembre 2013

Il social recruiting attraverso Linkedin è una pratica che si è diffusa soprattutto negli Stati Uniti, ma il numero delle aziende che utilizza questo social network per la ricerca di personale, anche in Italia, è in aumento. Sono circa 5,5 milioni gli Italiani presenti sul social fondato da Reid Hoffman. Sono soprattutto professionisti di alta livello, ma l’impennata della disoccupazione ha funto da stimolo all’iscrizione anche a profili di medio/basso livello, alla ricerca di un lavoro .

Ed ecco quindi consigli per usare al meglio Linkedin

1. Carica una foto professionale: niente dice più di una foto! Linkedin non è facebook. Scegli una foto in abiti professionali.
2. Compila il “titolo”: l’intestazione è la prima cosa che le persone vedono. C’è scritto chi sei e cosa fai. Puoi aggiungere il tuo ruolo e l’azienda dove lavori.
3. Compila il “Summary”: è il posto nel quale puoi raccontare di te. E’ una delle parti più lette
4. Nel sommario utilizza le parole chiave: cerca di essere originale.
5. Le competenze sono una delle modalità con cui i recruiters cercano personale: inserisci le tue competenze, Linkedin ti mostrerà quali sono le più popolari.
6. Ottieni conferme di competenza e segnalazioni: le più importanti sono quelle provenienti da colleghi di lavoro o da tuoi responsabili.
7. Aggiungi più connessioni che puoi: più contatti hai più è facile che alcuni di essi conoscano qualcuno che hai il lavoro giusto per te.
8. Segui i membri influenti di Linkedin: i loro consigli possono esserti utili.
9. Iscriviti e partecipa ai gruppi sugli argomenti che t’interessano professionalmente: avere un gruppo in comune è un buon modo per entrare in contatto con altri contatti professionali.
10. Segui l’azienda per la quale sogni di lavorare: potrai conoscere le sue offerte di lavoro e farti notare commentando quello che pubblicano.