Lavoro

Confconsumatori presenta il concorso “CONFOOD – Compra qualità, risparmia in casa”

In palio borse di studio e stage per i giovani dai 18 ai 30 anni che proporranno idee creative per stimolare i propri coetanei ad alimentarsi bene, acquistare meglio e ridurre gli sprechi
18 Dicembre 2013

Bologna, 18 dicembre 2013 – Happy Hour, Happy Food. Ovvero come mangiare felici e salvare linea, fegato, salute. L’idea è della Confconsumatori che lancia anche un concorso con borse di studio e stage in aziende per stimolare i giovani a «Comprare qualità e risparmiare in casa». Dai pasti agli aperitivi, dalle cene all’Happy Hour con gli amici. “Fino all’ultima foglia di insalata, fino all’ultimo stuzzichino. Sapendo calibrare per mangiare bene e stare bene”
Il concorso nazionale “Confood” è rivolto ai giovani, universitari o lavoratori, dai 18 ai 30 anni, alle prese con il primo approccio alla spesa alimentare, pur se con un budget non elevato. E’ gratuito e accessibile via web, fino al 31 marzo 2014. In questi mesi l’associazione offrirà spunti e idee utili sul sito www.confoodinventa.it, sulla pagina di Facebook Confood e con le campagne informative nelle università. Ma saranno soprattutto i giovani stessi a dire la loro e a offrire soluzioni su come alimentarsi bene e sprecare meno: i più creativi saranno premiati con tre borse di studio (una da 1000 e due da 500 euro) e possibilità di stage in azienda.

«Il risparmio sulla spesa alimentare, – ha spiegato la presidente di Confconsumatori Mara Colla, in una conferenza nella sede di AlmaLaurea, che affianca l’associazione dell’iniziativa - non deve andare a discapito della qualità a tavola, ma può nascere dall’intelligenza nell’acquisto e nel consumo dei prodotti, imparando a ridurre al minimo gli sprechi in casa. Vogliamo stimolare la creatività dei consumatori di domani e metterli in dialogo con Istituzioni e Aziende». 
Il concorso “Confood”, infatti, è realizzato con il sostegno di alcune importanti partnership: i contenuti sono curati da “Madegus” (Maestri del Gusto), spin off dell’Università di Parma sull’educazione alimentare, dal Sian (Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione) dell’Ausl di Parma e da “Last Minute Market”, lo spin-off dell'Università di Bologna guidato dal professor Andrea Segré. Alcune aziende, particolarmente attente ai temi dell’educazione alimentare e della sostenibilità, hanno scelto di cofinanziare “Confood”: il consorzio Ivsi (Istituto Valorizzazione Salumi Italiani), Mutti, As do Mar, Granarolo e Tetrapak. Il consorzio AlmaLaurea, media partner del concorso, contribuirà a diffondere e fare conoscere agli studenti la possibilità di partecipare.

La partecipazione è semplice: non ci sono requisiti a parte l’età (18-30 anni) ed è sufficiente registrarsi gratuitamente sul sito www.confoodinventa.it e descrivere, in poche righe, un’idea che tocchi uno o più temi oggetto del concorso e visibili sul bando:

  • come alimentarsi bene e mantenere uno stile di vita sano;
  • come riconoscere il cibo di qualità, la filiera; leggere e comprendere le etichette, ecc;
  • come ridurre lo spreco domestico, conservando e consumando correttamente i cibi;
  • come le aziende dovrebbero informare i consumatori su qualità, produzione e conservazione.

Nessuna briglia alla fantasia: i partecipanti potranno proporre qualsiasi idea che sia efficace nel trasmettere i contenuti di “Confood” ai propri coetanei: ricette, buone pratiche, App, giochi, eventi o rassegne; ma anche piani di marketing e/o comunicazione; progetti grafici per packaging o etichettature innovativi o piattaforme tecnologiche per la relazione consumatore-azienda.