Università

L’ospitalità della formazione

Il 24 maggio a Bologna, in occasione di “Mens-a” 2014 si parla di università e di rapporto con gli studenti anche con AlmaLaurea.
22 Maggio 2014

Bologna, capitale del gusto, della cultura e del turismo. Concetti a cui si lega indissolubilmente anche la formazione universitaria grazie al suo rinomato ateneo, l’AlmaMater, che ogni anno accoglie nelle sue storiche aule oltre 75mila studenti provenienti da tutta Italia e da oltreconfine. Una celebrazione del concetto di “ospitalità”, come intelligenza e forma di vita, come legame tra cultura del gusto, memoria, tradizione, identità e formazione superiore. Sono questi gli ingredienti che animeranno dal 23 al 25 maggio, i principali spazi storici e culturali della città grazie all’evento Mens-a 2014.

Conferenze, cicli di incontri e commensalità, tra le sale dell’Università e del Comune, esercizi commerciali storici, ma anche librerie, chiese e piazze: motivo conduttore Dare ristoro. In altre parole, ristorazione e cibo intesi come valore aggiunto dal punto di vista relazionale, storico, culturale, economico e formativo. Mens-a 2014, realizzato in sinergia con l’Università e il Comune di Bologna, Organizzazioni Alimentari (CAAB), fondazioni, privati, aziende, attività commerciali del gusto e terzo settore. E proprio partendo dalla formazione universitaria legata ai concetti di ristoro, del cibo conviviale e ospitalità, Mens-a 2014 organizza, all’Oratorio di San Giovanni Battista dei Fiorentini, il 24 maggio, alle ore 11.00, l’incontro “L’Università di Bologna, la sua matrice, il rapporto con gli studenti e la città”. Al dibattito prenderà parte il professor Andrea Cammelli, direttore e fondatore di AlmaLaurea, illustrando Il Rapporto 2014 sulla condizione occupazionale dei laureati dell’AlmaMater.
Un contributo importante che lega il concetto di ospitalità e formazione: il Consorzio interuniversitario, nato vent’anni fa nelle aule dell’Ateneo bolognese, e che ad oggi coinvolge 65 atenei italiani, ha infatti come obbiettivo quello di considerare la formazione, un valore aggiunto che unisce e valorizza il nostro patrimonio più importante, le persone.

AlmaLaurea quindi come punto di incontro e ospitalità tra università, studenti e imprese che raccoglie, grazie alla sua banca dati, quasi 2 milioni di curricula di laureati favorendo la convergenza tra domanda e offerta di lavoro. Giovani e non, italiani ma anche laureati provenienti dai paesi dell’area Euro Mediterranea, e oltre, dove AlmaLaurea, con il sostegno dell’Unione Europea, sta collaborando insieme alle università e istituzioni locali per attivare banche dati dei laureati sul modello di quella proposta dal Consorzio, favorendo così anche a livello internazionale la relazione tra laureati, formazione universitaria e mondo del lavoro.

Al dibattito interverranno anche Ronaldo Dondarini, dell’Alma Mater e Direttore Festa della Storia, Roberto Nicoletti, prorettore per gli studenti e per la comunicazione istituzionale dell’ateneo, Alberto Ronchi, Assessore Cultura e Rapporti con l'Università del Comune di Bologna e Nadia Monti, Assessore Sicurezza, Legalità, Giovani e Servizi Demografici

Sito e programma dell'evento

 

Per informazioni
Email: balsamobeatrice@gmail.com
Telefono: 3403588933 – 3398857473