AlmaLaurea News

I cv dei laureati croati vanno in rete

AlmaLaurea presenta, il 16 giugno, il lancio del suo modello alla Facoltà di Ingegneria dell’Università di Rijeka in Croazia.
12 Giugno 2014

Terza e ultima parte per il lancio ufficiale della piattaforma Adria-Hub. AlmaLaurea incontrerà, infatti, gli studenti lunedì 16 giugno alla Facoltà di Ingegneria dell’Università di Rijeka, Croazia.

Dopo la presentazione dei risultati dell’implementazione della piattaforma web dedicata ai laureati e alle imprese, avvenuta lo scorso aprile alle Facoltà di Ingegneria Meccanica dell’Università di Niš e  Kragujevac, in Serbia, il modello realizzato dal Consorzio diventa realtà anche in Croazia.

Ad aprire la giornata saranno il rettore Goran Turkalj della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Rijeka e il Vice Ministro Saša Zelenika, Ministero della Scienza dell'Istruzione e dello Sport della Repubblica di Croazia. A seguire, dopo gli interventi dei professori dell’università di Rijeka e di Bologna, AlmaLaurea presenterà agli studenti i vantaggi e le implicazioni della piattaforma Adria-Hub, che garantirà loro, sul modello di quella realizzata in Italia e in molti altri paesi dell’area Euro Mediterranea dal Consorzio, di creare e rendere visibile per la prima volta alle imprese il proprio curriculum vitae. Uno strumento dedicato ai laureati, alle università e alle pmi, che permette di incrociare domanda e offerta di lavoro.  
L’implementazione del modello integrato AlmaLaurea, con l’indagine sul profilo dei laureati e l’analisi delle loro performance occupazionali a uno, tre e cinque anni dalla laurea, permetterà inoltre alle università di dotarsi di strumenti fondamentali per la gestione della governace interna, di conoscere e monitorare le performance degli studenti e di valutare l’impatto della formazione sul mercato del lavoro. 

Il progetto Adria-Hub, finanziato dall’Unione Europea tramite i fondi del programma IPA-Adriatic (Instrument for Pre-accession Assistance) e coordinato dall’Università di Bologna, ad oggi coinvolge, infatti, quattro Paesi dell’area balcanica: Serbia, Bosnia-Erzegovina, Montenegro e Croazia. Lo scopo è costituire un sistema integrato di servizi che aiuti le imprese a rintracciare le professionalità dei laureati meglio formati, migliorando così la loro occupabilità.

A settembre del 2013 AlmaLaurea era già stata selezionata per presentare il suo modello per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro al meeting Danubia-Adria, a Primosten, in Croazia.
L’incontro aveva lo scopo di analizzare tutti gli strumenti tesi a promuovere gli sviluppi e i miglioramenti della qualità dei prodotti e dei processi legati alla formazione.

Il Simposio Danubia-Adria Society on Experimental Methods (DAS), organizzato dalla Croatian Society of Mechanics (HDM), aveva raccolto a Primosten ingegneri, ricercatori, docenti e studenti universitari, scienziati ed esperti industriali, che hanno apprezzato e valutato positivamente il modello AlmaLaurea e le sue implicazioni.