Corsi post laurea

Gli esperti di immigrazione del terzo millennio

Alta formazione culturale e forte professionalizzazione sono le caratteristiche del master in Immigrazione, fenomeni migratori e trasformazioni sociali dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Iscrizioni entro il 18 novembre.
20 Ottobre 2014

“L’immigrazione è un fenomeno che richiede uno sforzo di comprensione globale e un metodo di indagine interdisciplinare”. A parlare è Fabio Perocco, coordinatore del master di primo livello in Immigrazione, fenomeni migratori e trasformazioni sociali, organizzato dall’Università Ca’ Foscari di Venezia e giunto alla sua quattordicesima edizione. Nel 1999, quando è nato, è stato il primo master sull’immigrazione in Italia e uno dei primi nel sud Europa. “Diamo grande attenzione alle discriminazioni cui sono sottoposti gli immigrati e, più ampiamente, al razzismo che permea le società occidentali” continua il professor Perocco. Il conseguimento del master dà la possibilità di accedere direttamente al secondo anno della laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale, interculturalità della Ca’ Foscari. “La forza di questo master è l’unione tra l’alta formazione culturale e una notevole professionalizzazione”.

Professor Perocco, che tipo di professionista prepara il vostro master?
“Formiamo un esperto dell’immigrazione e delle relazioni interculturali, che opera con funzioni di ricerca, progettazione, programmazione e intervento sociale negli enti pubblici e in tutto l’ambito del terzo settore”.

Come sono organizzate le lezioni?
“La nuova edizione del master comincia a febbraio dell’anno prossimo con un primo modulo, che si conclude a giugno. Si riprende poi a fine agosto con un secondo modulo e si terminano le lezioni a novembre. Il primo modulo riguarda i fondamenti del fenomeno migratorio: le cause, le forme e gli effetti. In particolare affronteremo l’esame e la revisione teorico-pratica del pensiero scientifico, del senso comune e delle politiche con cui si affrontano i fenomeni migratori. In esso si mira a far maturare nei corsisti un’adeguata capacità critica e un’attitudine alla visione globale di tali fenomeni. Il secondo modulo è di carattere fortemente operativo: tratta in maniera multidisciplinare e professionalizzante i singoli aspetti delle migrazioni, approfondendo le tematiche del lavoro e della salute, della casa e del territorio, dei diritti e delle discriminazioni, dei servizi e delle politiche sociali, della progettazione e dell’intervento sociale, dell’esclusione e della devianza, della famiglia e delle generazioni, della scuola e della lingua, dell’interculturalità e della comunicazione, delle reti sociali e dell’associazionismo”.

Chi sono i docenti?
“Il 40% delle lezioni è tenuto da docenti stranieri, che esaminano il tema in un’ottica internazionale. Si tratta dei più importanti esperti di migrazioni, provenienti da Francia, Belgio, Spagna, Germania, Regno Unito, Brasile, Cina, Stati Uniti, Australia. Inoltre, circa la metà del corpo docente è composto da professionisti e da esperti operanti nel settore, non ci sono solo professori universitari”.

Che tipo di attività pratiche sono previste?
“Saranno realizzati studi di caso, elaborazioni di progetti individuali o di gruppo, simulazioni, problem solving, ricerche. Nel secondo modulo si svolgerà il laboratorio di progettazione sociale nell’immigrazione: si tratta di un percorso specifico all’interno del master, finalizzato a dotare i corsisti delle conoscenze e delle tecniche per fare progettazione sociale, per stendere progetti e programmare interventi. Il master prevede inoltre un periodo di stage da svolgere in Italia o all’estero. Le aziende e gli enti convenzionati con il master sono circa 240: si va dal sistema della pubblica amministrazione, centrale e periferica (Comuni, Ministeri, Aziende sanitarie), a tutto il terzo settore (cooperative sociali, fondazioni, ong, onlus), e poi istituti di ricerca, sindacati, associazioni”.

Quali opportunità lavorative offre questo master?
“Gli stage hanno un’importanza grandissima perché danno buoni risultati a livello lavorativo. Il tasso occupazionale dei nostri studenti dopo la laurea è molto positivo: 7 su 10 entro un anno dalla fine del master trovano un impiego nell’ambito sociale o dell’immigrazione”.

 

Master di I livello in Immigrazione. Fenomeni migratori e trasformazioni sociali
Università Ca’ Foscari di Venezia
Dati relativi all’edizione 2014/2015
Sede del corso: Venezia
Numero di iscritti: massimo 50
Durata: febbraio – novembre 2015
Lingua: italiano (lezioni in inglese, francese, portoghese, spagnolo, con traduzione simultanea)
Stage: sì
Presentazione delle domande: iscrizioni entro il 18 novembre 2014
Costo: 2.500 euro
Borse di studio: sì
Per informazioni:
E-mail: masterim@unive.it
Sito web: http://www.unive.it/pag/4935/