Lavoro

Periti industriali, parliamo di futuro

Dalla formazione all’occupazione dei periti industriali diplomati e laureati: a Roma al Congresso straordinario promosso da CNPI e EPPI, dal 13 al 15 novembre, l’intervento di AlmaLaurea.
10 Novembre 2014

Quale futuro formativo e professionale attende la figura del perito industriale? Se lo chiederanno esperti del mondo accademico, rappresentanti delle istituzioni e imprenditori nel corso della tre giorni di dibattito “Andare Oltre” promossa dal Consiglio nazionale e dall’Ente di Previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati, dal 13 al 15 novembre a Roma (Mariott Hotel).

Un congresso straordinario che è prima di tutto un’occasione di confronto e di dialogo per riflettere sul “domani” dei periti industriali e per tracciare nel contempo le linee di ricerca indispensabili che dovrà prendere nel prossimo futuro la formazione professionale, per valorizzare la loro figura nell’attuale contesto sociale e economico. Un contesto complesso alla luce non solo delle tematiche legate alla riforma del sistema universitario italiano, che ha introdotto l’organizzazione dei cicli di studio seguendo la formula del 3+2, ma anche alla riorganizzazione che molti albi professionali hanno successivamente attuato. Non ultima, la più recente riforma dell’istruzione tecnica che, di fatto, stabilisce che il nuovo titolo di diploma secondario superiore non possa essere più considerato valido per l’accesso alla libera professione di perito industriale.

Un tassello fondamentale di questa riflessione a 360° sarà proprio quello offerto da AlmaLaurea il 14 novembre (ore 9.15) al panel “Il Sistema Formativo”, coordinato d Simona D’Alessio e Ignazio Marino di “Italia Oggi”, attraverso l’intervento del professore Andrea Cammelli, fondatore dal 1994 e direttore del Consorzio e di Silvia Ghiselli, responsabile Indagini e Ricerche AlmaLaurea, dal titolo “Professioni: quale formazione e quale occupazione?".

L’obbiettivo sarà quello di tratteggiare le principali caratteristiche della figura del perito industriale (sia o non sia laureato), in termini di background formativo ma anche di esiti occupazionali alla luce dei dati raccolti in merito alla condizione occupazionale dei laureati offerti da AlmaLaurea e quella dei diplomati di AlmaDiploma. Nel corso dell’Intervento si focalizzerà infatti l’attenzione su alcuni specifici collettivi: per approfondire le scelte formative e occupazionali post-diploma si concentrerà l’attenzione sui diplomati di scuola secondaria superiore del 2008, intervistati nel corso del 2013 a cinque anni dal titolo; per valutare gli esiti occupazionali dei laureati a partire da quelli di primo livello che non hanno proseguito gli studi iscrivendosi ad altro corso di laurea, intervistati a uno e cinque anni dal conseguimento del titolo.

 

Consiglio nazionale dei periti industriali e dei periti industriali laureati

Per maggiori informazioni
Via di San Basilio, 72 – 00187 Roma (RM)
Tel. +39.06.42.00.84
Email: cnpi@cnpi.it
Sito: www.cnpi.it