Lavoro

FATTORE TALENTO: diamo corpo e voce alle giovani menti

UNILEVER FUTURE LEADERS LEAGUE 2014: la sfida internazionale che punta sui talenti del secondo e terzo anno dei corsi di laurea di Ingegneria ed Economia degli atenei italiani. Scadenza il 30 novembre.
17 Novembre 2014

Una sfida internazionale per formare i leader di domani. E’ UNILEVER FUTURE LEADERS LEAGUE 2014, il programma rivolto a tutti i migliori cervelli presenti nel mondo, lanciato da Unilever, aziende leader nel campo dei beni di largo consumo che opera a livello globale con sedi in 190 paesi, dall’America all’Asia, dal Medio Oriente all’Africa, all’Europa. A misurarsi sul campo saranno alcuni tra i più brillanti giovani del secondo e terzo anno dei corsi di laurea di Ingegneria ed Economia degli atenei italiani, selezionati per sfidare i talenti di tutto il mondo ed aderire alla Global Future Leaders League che si terrà a Londra a marzo 2015 (UK).

“L’obiettivo è coinvolgere studenti brillanti per aiutarli a comprendere cos’è la leadership e dar loro l’opportunità di relazionarsi con i massimi esperti del panorama manageriale internazionale” spiega Linda Langella HR Leadership Development Specialist Italy per Unilever. “L’evento - precisa - mira quindi a gettare le basi di quelli che saranno i leader di domani, accompagnandoli nella conoscenza dei propri punti di forza e di debolezza, alla scoperta delle loro abilità e dei loro interessi, aiutandoli nella comprensione delle dinamiche aziendali e insegnando loro cosa significa misurarsi in una competizione”.

Come si articola UNILEVER FUTURE LEADERS LEAGUE 2014? 
“I migliori studenti che vinceranno la competition a livello locale, saranno invitati per quattro giorni all’Unilever Camp (U-Camp), dove verranno raggruppati in 10 squadre diverse. Nel corso di questa esperienza i giovani avranno modo di conoscere le diverse funzioni aziendali di Unilever, marketing, supply chain, finanza, risorse umane, vendite, partecipare a sessioni di empowerment (tutoraggio personale) e vedere da vicino come si gestiscono le dinamiche aziendali”.

Che caratteristiche devono possedere gli studenti per entrare nella rosa dei selezionati?
“Devono essere brillanti, giovani studenti universitari appassionati di Unilever, dei nostri brand che conoscono e condividono prima di tutto la nostra filosofia, crescere in modo sostenibile”.

Esperienze dirette, contatto con i maggiori esperti di tutto il mondo e molto altro…così si formano i talenti?
“I nostri senior leader possono offrire un grande esempio di cosa significa essere un leader: grazie al loro background sono una risorsa inestimabile capace di esprimere nelle parole e nei fatti il concetto di leadership, trasferendo agli studenti selezionati tutte le competenze trasversali necessarie da porre in atto nel quotidiano per essere leader di oggi e di domani”.

Cosa vuol dire oggi essere un leader in Unilever?  
“Essere leader oggi in Unilever prima di tutto vuol dire avere l’ambizione di contribuire ad accrescere il fatturato dell’azienda in modo sostenibile, diminuendo quindi l’impatto sull’ambiente e sulla società. Perché l’etica e l’integrità sono il driver della nostra azienda”.

Quanto contano le competenze trasversali per essere ottimi manager?
“La varietà è quello che ci caratterizza, non esiste un profilo ideale in senso assoluto. I Talenti con la T maiuscola per noi sono coloro che hanno nel proprio DNA i nostri “Standard of Leadership”: passione per il successo e l’innovazione, capacità manageriali, che pongano il cliente e il consumatore al centro delle proprie attività. Giovani che non hanno paura di assumersi il rischio delle loro decisioni e azioni: in sintesi, che siano in grado, con il proprio contributo, di porre in essere quelle piccole azioni che fanno la grande differenza”.

Perché Unilever ha scelto AlmaLaurea?
“Per raggiungere il maggior numero di studenti attraverso la banca dati AlmaLaurea, che raccoglie quasi 2 milioni di curricula certificati di laureati italiani e stranieri, e far conoscere loro le nuove attività di Unilever”.

 

Maggiori informazioni