AlmaLaurea News

Vivere la scuola con orientamento!

“Un orientamento inefficace è un investimento sbagliato di vita per la persona, per le famiglie e per lo Stato”. Intervista a Ivana Uras, dirigente del Liceo Scientifico “Newton” di Roma.
03 Giugno 2015

Dall’uso di Photoshop al corso per la stampante 3D, dalla robotica alle conoscenze delle lingue passando per peer education, life skill, consulenza psicologica e scientifica e incontri con genitori e studenti. “Al Liceo Scientifico Newton l’aggiornamento delle competenze e l’orientamento sono parte integrante di ogni attività  didattica e coinvolgono ogni anno tutti gli studenti, seppure in maniera diversificata e trasversale”. A spiegarlo è la professoressa Ivana Uras, dirigente del Liceo “Newton” di Roma che precisa: “Da tre anni abbiamo aderito al progetto di AlmaDiploma che, personalizzando l’approccio formativo all’orientamento, offre agli studenti una pluralità di interventi che sono in grado di fornire un quadro organico di scuole, università, istituzioni e aziende, utile per entrare a far parte della rete dell’orientamento".

Parliamo di orientamento in entrata: quali sono le azioni messe in campo dal vostro Istituto per aiutare i ragazzi a scegliere il percorso di Scuola Superiore più attinente alle loro predisposizioni?
“Generalmente gli studenti che scelgono il liceo scientifico sono già orientati dalle famiglie per tradizione familiare o dagli insegnanti perché hanno mostrato attitudini o profitti molto soddisfacenti. Il nostro Istituto, tuttavia, offre opportunità di maggiore consapevolezza e di autodeterminazione cercando di fornire anche strumenti per affrontare il nuovo corso di studi con serenità per il successo scolastico. A questo fine, organizziamo a partire da novembre giornate di open day nel corso delle quali si rendono disponibili docenti e studenti per rispondere in maniera diretta a ogni dubbio e per familiarizzare con le nuove strutture, i laboratori, i progetti e le persone che operano nella scuola. Si aprono e si sperimentano lezioni comuni con ragazzi delle terze medie e a volte sono gli stessi studenti, quelli più grandi, i protagonisti delle attività. A maggio i neo iscritti vengono invitati a partecipare a brevi corsi propedeutici per affrontare al meglio due discipline che rappresentano nell’immaginario collettivo “lo spauracchio” che decima gli studenti: latino e matematica. Parallelamente, promuoviamo anche per i genitori laboratori di riflessione per comprendere le modalità pratiche atte a costruire un rapporto e un dialogo positivo e appagante per loro stessi ed i loro figli”.

Oltre all’orientamento in entrata, un altro tassello fondamentale è l’orientamento in uscita, ovvero verso il mondo della formazione e del lavoro: il suo Istituto che politiche adotta per favorire questo passaggio?
“L’orientamento fa parte integrante di ogni attività del Liceo Scientifico Newton e come tale coinvolge tutti gli studenti di ogni anno, seppure in maniera diversificata e trasversale e ampliando l’offerta formativa per aprire maggiori orizzonti possibili e offrire opportunità professionali. Il nostro piano dell’offerta formativa dedica un’intera sezione all’acquisizione della conoscenza di sé attraverso progetti tesi al miglioramento delle life skill, di promozione alla salute e di prevenzione attraverso attività di peer education, sportelli psicologici o filosofici e potenziamento delle proprie competenze anche in aree non curricolari. Attento alle opportunità che si possono trovare nel mondo del lavoro, il nostro Istituto cerca di aprire nuovi interessi di creatività e suggerire opzioni utili attraverso incontri con esperti nei vari settori di avanguardia, scientifico, tecnologico, culturale ed economico. Dopo anni di corsi di grafica e photoshop, quest’anno abbiamo promosso un corso di stampante 3D e uno di robotica e potenziato le conoscenze linguistiche con un corso di cinese. Infine, ci apprestiamo a inaugurare per l’anno prossimo corsi di tedesco e spagnolo in orario curricolare. I ragazzi percorrono itinerari specifici con le università, partecipando a gare di abilità e ad attività di approfondimento e di orientamento nelle sedi degli atenei, ultimamente anche con le Scuole Superiori di studi avanzati. Da tre anni l’Istituto ha aderito al progetto di AlmaDiploma che, personalizzando l’approccio formativo all’orientamento, offre agli studenti una pluralità di interventi che sono in grado di fornire un quadro organico di scuole, università, istituzioni e aziende, utile per entrare a far parte della rete dell’orientamento”.

Secondo le stime di AlmaLaurea, che si occupa ormai da 20 anni di analisi del sistema universitario, ancora oggi soltanto il 30% dei 19enni si iscrive alle università, provenendo da famiglie più favorite. Oltre alla mancanza di una seria politica del diritto allo studio, a suo avviso quanto influisce la mancanza di azioni di orientamento efficaci?
“La mancanza di azioni di orientamento efficaci ha un costo enorme per la società e per ogni singolo, non solo in termini economici, ma anche e soprattutto in prospettiva di realizzazione personale, con ripercussioni sul tessuto sociale che si possono propagare per decenni ed influire negativamente per generazioni. Un orientamento inefficace è un investimento sbagliato di vita per la persona, per le famiglie, che hanno profuso tutte le loro energie a questo fine, e per lo Stato. Oggi è oltremodo difficile trovare un’occupazione ed ancor più un lavoro che soddisfi le proprie aspettative; la globalizzazione offre moltissime opportunità anche all’estero, ma altrettanta concorrenza agguerrita. Perciò è necessario che un giovane acquisisca non solo competenze specifiche, ma anche competenze di vita che gli permettano si sapersi orientare e di affrontare una realtà complessa in continuo cambiamento. Molti dei nostri giovani scelgono strade di studio e di lavoro all’estero. Sarebbe auspicabile che ci siano anche reali possibilità di scelta di ritornare e di contribuire alla crescita del nostro Paese”.

Lo scopo di AlmaDiploma è agevolare i processi di autovalutazione di ogni Istituto di Scuola Secondaria Superiore, uno degli obbiettivi è aiutare le Scuole a supportare i giovani con azioni di orientamento mirate. Questo significa un ritorno in termini di minori costi, ma anche un capitale umano più soddisfatto delle proprie scelte, maggiormente produttivo e legato al nostro Paese. Qual è l’esperienza del suo Istituto?
Dopo iniziali diffidenze da parte del corpo docente e degli studenti dovute all’approccio innovativo rispetto ai consueti canali, gli strumenti on-line di auto orientamento, con la possibilità di avere dei profili personalizzati, di redigere e pubblicare dei curricula in banca dati, sono stati molto apprezzati, anche per la possibilità che AlmaDiploma offre di agevolare le aziende nella ricerca di personale qualificato con la riduzione dei tempi di incontro fra domanda e offerta di lavoro. Gli studenti, inoltre, hanno usufruito d’informazioni utilissime per trovare i percorsi di studio più confacenti alle loro attitudini attraverso il canale di AlmaDiploma collegato alle innumerevoli facoltà universitarie, esplorando comodamente da scuola o da casa. Per i docenti del Liceo scientifico Newton Almadiploma ha costituito un’occasione importante per la verifica dei percorsi formativi offerti, per la riflessione e la riprogettazione dell’offerta formativa, in linea con l’attuale RAV, il Rapporto di autovalutazione di recente prescrizione ministeriale. Una prova? Una lettera ufficiale di apprezzamento del Collegio docenti nei confronti della loro dirigente scolastica per le iniziative innovative poste in essere e tra queste viene sottolineata l’adesione proprio al progetto AlmaDiploma. Il che, di questi tempi, è veramente merce rara…”

 


Iscriviti alla Newsletter AlmaLaurea! Ogni mese potrai ricevere una selezione di interviste, articoli e indagini pubblicati su AlmaLaurea.it.

Conosci qualcuno interessato a ricevere la Newsletter AlmaLaurea? Invitalo subito a iscriversi!