Corsi post laurea

Sicurezza e protezione: arrivano i "First responder"

Al via il Master di I livello in “Protection against CBRNe events” dell’Università di Roma “Tor Vergata”. Scadenza delle iscrizioni, 4 marzo.
24 Febbraio 2016

L’incidente di Fukushima, l’emergenza Ebola, l’uso di armi chimiche in Siria: sono fenomeni radiologici, biologici e chimici che possono essere classificati come CBRNe, “ovvero qualsiasi tipo di evento accidentale, ma anche atto di guerra o terroristico che può provocare la diffusione in aria, acqua o solido, in ambienti chiusi o aperti, di sostanze chimiche, biologiche, radiologiche o nucleari”. A spiegarlo è il professor Pasqualino Gaudio, coordinatore del Master di I livello in “Protection against CBRNe events”, che forma “first responder”, ovvero professionisti responsabili dei primi soccorsi. “Pensiamo agli incendi in impianti chimici e nucleari, attacchi con armi biologiche, fughe di sostanze tossiche, esplosioni, calamità naturali o dipese da errore umano. Fenomeni di questo tipo, non sono rari” precisa il coordinatore del Master.

Professore Gaudio, a chi è rivolto il master e a quali esigenze risponde?
“Formare ‘first responder’ che sappiano agire senza tentennamenti è l’obiettivo che si prefigge il Master internazionale di I livello in “Protezione da eventi CBRNe, Chemical, Biological, Radiological, Nuclear and explosive”, attivato dall’Università degli studi di Roma ‘Tor Vergata’ in convenzione, tra gli altri, con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministeri della Difesa e dell’Interno, Enea, Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e Istituto superiore di sanità. Il master è patrocinato dalla NATO e dalla OPCW, Organisation for the Prohibition of Chemical Weapons, ed svolto è in collaborazione con i maggiori centri internazionali di training e formazione: NATO Joint Centre Of Excellence, Repubblica Ceca; NATO SCHOOL of Oberammergau, Germania; HotZone Solutions Group, Paesi Bassi; VVU-026 Sternberk, Repubblica Ceca; Seibersdorf Laboratories GmbH, Austria; Chernobyl Centre, Ucraina”.

Dal punto di vista delle competenze, oltre a quelle tecniche, viene affrontata anche la gestione emotiva e psicologica dell’evento?
“L’aspetto della comunicazione e quello psicologico sono molto importanti, tanto che il Master ha un intero modulo, curato da esperti internazionali, dedicato a questi argomenti. Soprattutto l’aspetto psicologico in caso di emergenza è delicatissimo: i ‘first responders’ devono essere in grado di recepire informazioni e fornirle durante gli interventi in maniera accurata per evitare che il panico e le psicosi delle persone coinvolte causino effetti collaterali maggiori e peggiori dell’evento stesso”.

Come viene gestita la comunicazione di incidenti/eventi di questo tipo e qual è la procedura di primo intervento?
“In incidenti di questo tipo intervengono generalmente più squadre, ognuna con un proprio ambito d’azione. Ad esempio, nel caso di un incendio, i primi sono i Vigili del Fuoco, se ci sono feriti anche infermieri e medici e se è doloso, le forze dell’ordine. Le procedure di primo intervento variano a seconda del corpo operativo che le mette in atto: l’Esercito adotta procedure differenti, ma non incompatibili con quelle dei Vigili del Fuoco. La formazione dei ‘first responders’ mira anche a questo, istruire gli iscritti su tutte le tecniche di primo intervento, perché, ad esempio, se durante un incendio i soccorsi gettano per negligenza l’innesco che lo ha scatenato, ogni indagine successiva è irrimediabilmente compromessa”.

Quanto è importante la condivisione di procedure comuni a livello internazionale?
“Nella gestione degli eventi CBRNe si interagisce con enti pubblici, militari, privati e di ricerca. L’approccio sinergico alle emergenze e conoscere e condividere le procedure, non solo a livello nazionale, ma anche a livello internazionale, è fondamentale per evitare pericoli o incompatibilità tecnologiche che possono impedire agli operatori di svolgere a pieno le loro mansioni e affrontare le emergenze. Questo argomento è oggetto di un progetto di ricerca finanziato dalla Comunità Europea, svolto in collaborazione con i Vigile del Fuoco e coordinato dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, in cui sono analizzate le procedure nazionali e la normativa internazionale da un punto di vista giuridico, tecnico e operativo. Al fine di migliorare la preparazione degli iscritti, i risultati del progetto sono condivisi nei corsi del Master”.

Potrebbe illustrarci alcuni tipi di prove pratiche ed esercitazioni previste dal Master?
“Alcuni moduli, della durata di una settimana, si svolgono interamente in centri di training internazionali. Nel centro eccellenza NATO JCBRNe a Vyskov, in Repubblica Ceca, i candidati si esercitano su come si comporta un operatore di prima emergenza; nella Scuola NBC di Rieti si indossano tute antigas, maschere e dispositivi di protezione per simulare le rivelazioni di elementi radiologici, chimici o biologici, imparando anche le procedure di decontaminazione e bonifica. Nel centro VVU, nella Repubblica Ceca, le esercitazioni prevedono prove di rivelazione di agenti chimici reali, come Sarin, Tabun o VX, sotto la sorveglianza di personale specializzato e medico. Nei laboratori Seibesdorf, in Austria, gli studenti sperimentano i pericoli degli agenti radiologici e i metodi per affrontarli. Oltre a questi, il Master prevede altre visite in centri, laboratori e aziende che si occupano di CBRNe, con prove pratiche annesse”.

 

Master di I livello in “Protection against cbrne events”
Università di Roma Tor Vergata
Coordinatore: professore Pasqualino Gaudio
Dati relativi all’edizione 2015/2016
Sede del master: Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Dipartimento di Ingegneria Industriale e Facoltà di Medicina e Chirurgia
Durata: biennale
Periodo di svolgimento: 15 marzo 2016 - dicembre 2017
Lingua: inglese
Stage: si
Termine presentazione domanda: 04/03/2016 (scadenza delle pre-iscrizioni)
Costo: 15.162 euro
Borse di studio: sono disponibili riduzioni fino al 50% per i vincitori della posizione da tutor
Posti disponibili: massimo 40
Selezione: valutazione CV
Per informazioni
Dr. Colomba Russo o Dr. Valentina Gabbarini
E-mail: info@mastercbrn.it
Telefono: +39 0672597201

 


Iscriviti alla Newsletter AlmaLaurea! Ogni mese potrai ricevere una selezione di interviste, articoli e indagini pubblicati su AlmaLaurea.it.

Conosci qualcuno interessato a ricevere la Newsletter AlmaLaurea? Invitalo subito a iscriversi!