Eventi

Il futuro della Medicina è a Bologna

Dal 19 al 22 maggio, torna a Bologna il Festival della Scienza Medica, dedicato a “Le età della vita”. Promosso da Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna e da Genus Bononiae. Già quattro Premi Nobel presenti.
16 Marzo 2016

Dopo il grande successo della scorsa edizione con 40.000 presenze, il discorso sulla Medicina torna ad essere protagonista indiscusso del dibattito pubblico nella città che ne è l’emblema, Bologna. Basta passeggiare tra i suoi Portici per imbattersi nei luoghi che hanno accompagnato lo sviluppo della disciplina medica: il teatro anatomico, il cortile dell’Archiginnasio con l’aula conferenze della società medico chirurgica, il Sant’Orsola, il Rizzoli, il Portico della Morte, il Museo delle cere anatomiche… un elenco infinito. Bologna è la Medicina.

A celebrarla è il Festival della Scienza Medica, promosso da Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna e da Genus Bononiae, che per questa nuova edizione torna ad abitare, dal 19 al 22 maggio, tutte le vie e i luoghi storici del centro, mettendo l’accento su un tema di grande importanza, quello de “Le età della vita”. Comprendere il significato evolutivo de “le età della vita” vuol dire infatti andare oltre l’orizzonte della “personalizzazione della cura”, significa guardare lontano puntando al futuro.

Il Festival della Scienza Medica parte da qui, “la conoscenza della medicina di oggi e la consapevolezza del grande cammino percorso nel passato, al servizio della salute di un domani che si percepisce come sempre più presente”.

E’ con questi presupposti che si apre la quattro giorni di riflessione sulla nuova condizione umana al tempo della longevità, tematica che i Musei nella Città portano al centro del  Festival, ponendo grande attenzione agli ambiti della medicina di prevenzione, agli screening, alle implicazioni della medicina genomica e al ruolo che una corretta alimentazione e gli stili di vita possono avere nell'assicurare quel benessere della persona che è l’obiettivo perseguito da ogni sistema sociale avanzato per i suoi componenti.
Quante persone siamo nel corso della nostra, sperabilmente, lunga vita? Quante diverse età attraversiamo? E, se ci ammaliamo, come cambia il rapporto con la malattia nel tempo, dall’esperienza prenatale a quella della senescenza? Sono solo alcune delle domande che i massimi esperti del settore affrontano e analizzano nel corso delle moltissime declinazioni e approfondimenti previsti dal Festival: incontri dedicati alle scuole, visite interattive, lezioni, dibattiti che interessano molti luoghi storici, Musei, Istituzioni e Accademie.

Tra i partecipanti, alcuni assoluti protagonisti della ricerca nazionale e internazionale, tra i quali già quattro Premi Nobel presenti: BRUCE BEUTLER: Premio Nobel per la Medicina nel 2011 per le scoperte riguardanti l’attivazione dell’immunità innata; AARON CIECHANOVER: Premio Nobel per la Chimica 2004 per la scoperta della degradazione delle proteine ubiquitina-dipendente; TIM HUNT: Premio Nobel per la Medicina nel 2001 per ricerche riguardo al ciclo cellulare e all’attività delle cicline; ERIC KANDEL: Premio Nobel per la Medicina nel 2000 per le ricerche sulle basi siologiche della conservazione della memoria nei neuroni.

 

 

PER LE SCUOLE

Lezione di Anatomia

Quattro mattine dedicate ai bambini. Gli alunni delle scuole primarie sono invitati a partecipare a una “lezione anatomica” nel suggestivo Teatro Anatomico dell’Archiginnasio. Uno spettacolo dove animatori professionisti racconteranno le meraviglie del corpo umano in modo divertente e coinvolgente. Sabato e Domenica l’evento sarà aperto anche alle famiglie, previa prenotazione. Destinatari: alunni del secondo ciclo delle scuole primarie e famiglie.

Tra la Vita e la Morte, studio e pratica della medicina di un tempo

Una visita animata che dal santuario di Santa Maria della Vita ripercorre i primi luoghi dedicati alla cura dei malati e allo studio della medicina, raggiungendo lo storico Palazzo dell’Archiginnasio. Un viaggio nel centro di Bologna in compagnia di uno studente bizzarro che racconterà storie e aneddoti della vita universitaria di un tempo.

Lezioni interattive
Agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado sono dedicate quattro lezioni sulla storia dei farmaci che hanno cambiato il mondo. A seguire un laboratorio sui "bias cognitivi" e la sperimentazione clinica permetterà di aggiungere alle competenze acquisite anche informazioni sul mondo e le pratiche della ricerca scientifica... per finire con un Playdecide, in collaborazione con la Città della Scienza di Napoli.

 

MUSEI E ISTITUZIONI

I Palazzi di Genus Bononiae. Musei nella Città
Musei Universitari di Palazzo Poggi (via Zamboni, 33)
Accademia delle Belle Arti (via Belle Arti, 54) Mostra Le regole del corpo. Norma e arbitrio”
Museo delle Cere Anatomiche “Luigi Cattaneo” (via Irnerio, 48)

INFORMAZIONI E CONTATTI
La prenotazione è obbligatoria. Gli orari saranno comunicati nel programma definitivo.

 

Segreteria Organizzativa:
Flavia Manservigi Daniela Sala - I&C S.r.l.
 

Riferimenti
051 19936308 nei seguenti orari 8.30 -13.00/14.00 - 17.00
festivaldellascienzamedica@genusbononiae.it

 

Ufficio stampa:
Mara Vitali Comunicazione
02 70108230

stampa@mavico.it
www.mavico.it

 

Scopri di più sul sito: www.bolognamedicina.it

 


Iscriviti alla Newsletter AlmaLaurea! Ogni mese potrai ricevere una selezione di interviste, articoli e indagini pubblicati su AlmaLaurea.it.

Conosci qualcuno interessato a ricevere la Newsletter AlmaLaurea? Invitalo subito a iscriversi!