Corsi post laurea

Esperti di accoglienza e integrazione degli immigrati

All’Università Federico II di Napoli la terza edizione del master di I livello in “Immigrazione e politiche pubbliche di accoglienza e integrazione”. Iscrizioni prorogate al 15 marzo.
07 Febbraio 2017

Formare esperti in politiche e pratiche di accoglienze e integrazione degli stranieri di paesi terzi e dei loro discendenti. E’ questa la finalità del Master di I livello in “Immigrazione e politiche pubbliche di accoglienza e integrazione” promosso dall’Università Federico II di Napoli. “Il corso è realizzato in collaborazione con l'Associazione per gli Studi Giuridici sull'Immigrazione (ASGI) e la Cooperativa sociale Dedalus – spiega il Prof. Salvatore Strozza, coordinatore del Master – e vuole fornire una conoscenza analitica e multidisciplinare dei fenomeni migratori e una preparazione specifica sulla normativa internazionale, nazionale e locale e sulle politiche di intervento”.

Come si sviluppa il percorso didattico del corso?
“Il master è articolato in attività didattiche e di tirocinio. Le tematiche affrontate nella fase di didattica frontale riguarderanno tre macro-aree formative: conoscenze di base interdisciplinari di demografia, sociologia, economia, storia, storia economica, antropologia e psicologia su migrazioni, migranti e processi di accoglimento e integrazione; quadro normativo internazionale, nazionale e locale dei diritti dei migranti e dei loro discendenti; politiche per l’immigrazione e per gli immigrati dalla dimensione internazionale fino a quella locale, con laboratori su azioni e dispositivi di intervento.
Il tirocinio formativo di 225 ore viene svolto presso enti privati, del terzo settore o amministrazioni pubbliche territoriali, operanti nel settore dell’immigrazione. I corsisti che già da tempo lavorano nel settore potranno eventualmente richiedere il riconoscimento di tale attività in sostituzione del tirocinio.
Il conseguimento del titolo consente, per coloro che sono interessati a proseguire gli studi, di ottenere fino a un massimo di 30 CFU da spendere nella eventuale futura iscrizione ai corsi di laurea magistrale. I crediti riconosciuti dipenderanno dagli ordinamenti didattici dei corsi a cui ci si iscriverà. È stato richiesto il riconoscimento di crediti formativi per alcuni ordini professionali (avvocati e assistenti sociali)”.

A chi è rivolto questo master?
“A giovani laureati che intendano perfezionarsi nelle conoscenze delle problematiche inerenti il fenomeno migratorio, ma non solo. Si rivolge anche a diverse figure professionali direttamente o indirettamente coinvolte nei processi di integrazione degli immigrati: personale delle pubbliche amministrazioni (assistenti sociali, operatori dei piani di zona, personale infermieristico e sanitario, insegnati e personale ATA, forze dell’ordine, funzionari e impiegati); liberi professionisti e operatori del terzo settore con diversi ruoli (psicologi, sociologi, mediatori culturali, pedagogisti); operatori del diritto impegnati in servizi e in strutture di accoglienza per minori ed adulti (sportelli, centri servizi, case famiglia, centri per richiedenti asilo, SPRAR); altri operatori delle organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale, cooperative sociali. Sono valutate in sede di predisposizione della graduatoria di ammissione al corso l’attinenza della tesi di laurea agli argomenti del master, il curriculum vitae et studiorum, i titoli conseguiti (corsi di perfezionamento, master, specializzazione, ecc.), nonché le eventuali pubblicazioni se attinenti alle tematiche del master”.

Sono previste attività di laboratorio?
“Gli iscritti svolgeranno attività seminariali e laboratori didattici a cura rispettivamente di ASGI e Dedalus. Tali attività verteranno su diritto dell'immigrazione, protezione internazionale, antidiscriminazione e tutela dei diritti fondamentali, prassi amministrativa e normativa sulla cittadinanza, inclusione scolastica dei figli degli stranieri di paesi terzi, politiche sociali e di integrazione. Inoltre nel corso delle lezioni sono previste esercitazioni pratiche e verifiche periodiche dell’apprendimento dei contenuti di ciascun insegnamento attraverso colloqui, test, discussioni”.

Quali prospettive occupazionali ci sono per i diplomati a questo master?
“Il Master si propone di formare nuovi operatori in grado di agire in modo propositivo nell'ambito della pubblica amministrazione, degli enti locali e delle organizzazioni del terzo settore per la realizzazione e/o la verifica di interventi mirati sulle questioni di maggiore rilevanza in tema di migrazioni (es. inserimento lavorativo, accesso ai servizi sanitari, ricongiungimento familiare, inserimento scolastico dei figli degli immigrati, acquisizione della cittadinanza italiana), intercettando ed utilizzando al meglio le risorse disponibili sul territorio e gli strumenti necessari per favorire il pieno inserimento delle persone con background migratorio”.

 

Scheda del Master
Dipartimento di Scienze Politiche – Università di Napoli Federico II
Coordinatore: Prof. Salvatore Strozza
Edizione 2016-2017
Scadenza delle domande di ammissione: 15 marzo 2017
Durata: da aprile 2017 a marzo 2018 per un ammontare complessivo di 1.500 ore di attività, corrispondenti a 60 CFU, di cui 240 ore di didattica frontale con frequenza obbligatoria pari all’80%. L’attività didattica si svolgerà indicativamente nell’arco di un semestre con un impegno settimanale (circa tre settimane al mese) concentrato nell’intera giornata di venerdì (dalle 9:00 alle 19:00) presso il Dipartimento di Scienze Politiche e nella mattinata di sabato (dalle 9:00 alle 14:00) presso la sede della Cooperativa sociale Dedalus.
Tirocinio: sì (9 CFU per un totale di 225 ore)
Costo: € 1.100,00 (2 rate)
Per informazioni:
E-mail: segreteriamasterimmigrazione@gmail.com
Sito
Bando