Indagini

L’indagine 2020 sulla condizione occupazionale di laureati, dottori di ricerca e diplomati di master è partita

Al via la XXIII Indagine AlmaLaurea: le risposte forniranno lo scenario su occupazione, contratto, professione svolta, retribuzione, coerenza del lavoro con gli studi.

E’ partita la XXIII Indagine di AlmaLaurea sulla Condizione occupazionale dei laureati che riguarda oltre 600mila laureati di 76 Atenei, intervistati ad uno, tre e cinque anni dal conseguimento del titolo. Coinvolti anche oltre 15mila dottori di ricerca e diplomati di master di 46 Atenei.

La rilevazione approfondisce le modalità e i tempi di inserimento nel mondo del lavoro (contratto, professione svolta, retribuzione, coerenza con gli studi compiuti…) e rappresenta quindi per tutte le persone coinvolte un’importante occasione per far sentire la propria voce.

La documentazione prodotta fornirà a Università e Istituzioni indicazioni utili per migliorare l’offerta formativa e le politiche di inserimento nel mercato del lavoro. In particolare, grazie alle informazioni fornite, sarà possibile analizzare l’evoluzione delle dinamiche che caratterizzano la transizione università-lavoro.

L’Indagine, che si svolge nel pieno rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali, si concluderà, in questa prima fase, nel mese di luglio.
 

Maggiori informazioni sul metodo di rilevazione