Lavoro

Accordo Aeit e AlmaLaurea

26 Marzo 2012

“La banca dati AlmaLaurea è organizzata con grande serietà e competenza ed è certamente molto utile per la ricerca di competenze che servono ad aziende e studi professionali”. A parlare è Mario Rinaldi, presidente della Aeit, storica associazione culturale fondata da Galileo Ferraris che raggruppa al suo interno tutti gli studiosi del mondo dell’elettrologia. L'Aeit, Federazione italiana di Elettrotecnica, elettronica, automazione, informatica e telecomunicazioni, promuove e favorisce lo studio delle scienze che rappresenta e lo sviluppo delle relative tecnologie e applicazioni. Inoltre si occupa della crescita culturale e dell’aggiornamento professionale dei propri soci. L’Aeit opera attraverso 19 sezioni territoriali e quattro associazioni. Una di queste associazioni, l’Astri (associazione scienze e tecnologie per la ricerca e l’industria), si è incaricata in modo particolare nella sottoscrizione di  un accordo con AlmaLaurea per la diffusione e l’utilizzo della banca dati tra i propri iscritti, aziende e studi professionali. “Vogliamo fornire ai soci la possibilità di poter cercare e trovare le competenze tecniche e scientifiche di cui necessitano”, spiega Mario Rinaldi. “Per noi l’accordo rappresenta un importante servizio per i nostri iscritti e a favore dei giovani”.

Ad oggi la banca dati AlmaLaurea rende disponibili un milione e 620mila curricula di laureati italiani, tradotti anche in lingua inglese: si tratta di una vera e propria anagrafe delle professionalità che dà visibilità  e opportunità di lavoro a neo laureati e giovani con pluriennale esperienza. Nei settori specifici dell’Aeit sono circa 76mila i curricula dei laureati in Ingegneria presenti in banca dati.

“Il Paese se vuole diventare competitivo e promuovere l’innovazione deve avere le competenze tecniche di grande livello, e queste devono essere promosse soprattutto facendo leva sui giovani”, dice Mario Rinaldi, intervenuto al convegno “Dopo la laurea: studi ed esperienze di lavoro in Italia e nel contesto internazionale” promosso da AlmaLaurea per la presentazione del XIV Rapporto sulla condizione occupazionale dei laureati italiani. “Nel settore rappresentato dalla nostra associazione - conclude il presidente – sono valorizzate le eccellenze. Gli stage durante gli studi? Fondamentali per far capire ai giovani prima ancora della laurea cosa sono le aziende”.

 

Guarda l'intervista video