Università

“Costruire opportunità per i giovani”

26 Maggio 2012

“Di fronte alla crisi che l’Italia e l’Europa stanno vivendo non dobbiamo perdere la speranza e la fiducia di poter costruire opportunità  importanti per il Paese e per i giovani che si apprestano a entrare nel mondo del lavoro”. Questo il messaggio inviato a Napoli dal ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Francesco Profumo alla presentazione della XIV indagine AlmaLaurea sul profilo dei laureati Italiani. Il ministro, assente “per motivi istituzionali”, ringrazia AlmaLaurea per il Rapporto presentato e per le “priorità” indicate, condivise dallo stesso Profumo. “Oggi siamo di fronte a un bivio: imboccheremo la strada giusta se sapremo creare quelle condizioni di mercato e di sistema, grazie alle quali la transizione scuola-università-lavoro diventi sempre più integrazione tra esperienza educativa e realtà professionale. Concordo perciò con il Rapporto nel dire che queste sono priorità irrinunciabili”.

Nel messaggio il ministro ricorda: “Le famiglie, gli insegnanti, le università devono orientare i giovani e i laureati verso i settori trainanti dell’economia - scrive il ministro - i decisori pubblici devono fare in modo che il mercato e il sistema produttivo preparino le condizioni per il matching tra domanda e offerta di competenze; le imprese devono riqualificare le proprie attività attrezzandosi alla società della conoscenza e delle nuove tecnologie”.

Per Profumo il 2012 sarà un “anno palestra”, “nel quale dovremmo portare a compimento la riforma del sistema accademico, allenarci ai cambiamenti e a competere sul mercato europeo e internazionale”.

E così conclude: “L’impegno preso dal governo di riportare al centro del dibattito e dell’azione politica il valore della cultura, e quindi del mondo accademico, come motore della crescita e dello sviluppo, va inserito in un contesto ampio e in una valutazione di medio periodo, nei quali tutte le componenti produttive si sentano coinvolte. I giovani non possono più attendere, occorre fare presto perché possano essere protagonisti del loro futuro e di quello del Paese”.

Leggi il messaggio