Lavoro

La storia di Valentina: laurea con lode in Comunicazione, e il lavoro subito con AlmaLaurea

27 Agosto 2012

Passione e intraprendenza, un percorso universitario a pieni voti, conoscenza dell’inglese, competenze informatiche, tanta voglia di fare e di mettersi alla prova. Valentina Pareschi, 23enne bolognese, ha trovato lavoro subito dopo la laurea con lode alla triennale in Scienze della comunicazione, conseguita lo scorso ottobre all’Università di Bologna. Prima ha fatto un tirocinio (con rimborso spese) in un’agenzia dove ha preso confidenza con gli strumenti della comunicazione, quindi è stata chiamata da un’azienda che realizza software, dove adesso si occupa di sito internet, marketing, social network e pubblicità. Come ha fatto? Un pizzico di fortuna, tanta determinazione, ma più che gradito è stato anche l’aiuto offerto da AlmaLaurea attraverso la pubblicazione del curriculum vitae. “Non me l’aspettavo, mi hanno chiamata due aziende e una è quella presso cui lavoro” racconta.

Come mai hai scelto di studiare Comunicazione e che giudizio dai al tuo percorso universitario?
“Ho scelto Scienze della comunicazione perché mi sono sempre piaciute le materie umanistiche e, tra i vari corsi di Lettere, mi sembrava quello più concreto. Sono soddisfatta, ma con riserva: come quasi tutti i corsi universitari in Italia, anche quello di Scienze della comunicazione è troppo teorico, mancano quei project work e quei lavori di squadra che si fanno all’estero. Si studia troppo sui libri, così dopo la laurea si rimane un po’ spiazzati e non si sa che cosa fare. Molti scelgono infatti di frequentare un master per poi accedere agli stage aziendali”.

Tu invece dopo la laurea non hai continuato a studiare, ma ti sei messa subito a cercare un lavoro. Come è andata?
“Non avendo un’idea precisa di cosa studiare, ho preferito evitare di iscrivermi a specialistiche o master costosi, che rischiavano di rivelarsi lontani dalle mie aspettative, e ho deciso di provare a sfruttare il voto di laurea per cercare un lavoro ed iniziare a fare gavetta. D’altronde, per studiare c’è sempre tempo. Ho preparato un curriculum un po’ più carino di quello standard Europass, con un’impostazione grafica che si facesse notare, e l’ho portato a mano alle agenzie di comunicazione della mia città, che ho trovato su internet. In tre mi hanno richiamata e ho iniziato un tirocinio con un piccolo rimborso spese. Scrivevo comunicati stampa, li mettevo online e piano piano mi hanno anche dato qualche responsabilità in più. Non c’erano però molte possibilità di crescita né di essere assunta: io sono rimasta quattro mesi e, quando mi è arrivata un’altra offerta, ho salutato”.

Oggi ti occupi di marketing e comunicazione e in questo tuo nuovo lavoro una mano te l’ha data AlmaLaurea. È così?
“Sì e sono rimasta molto contenta, sinceramente non me l’aspettavo. Dopo la pubblicazione del mio curriculum su AlmaLaurea mi hanno chiamata due aziende e una è quella per cui lavoro oggi. Avevano bisogno di una figura giovane che prendesse in mano la comunicazione. L’azienda si occupa di software e io gestisco un po’ di tutto, dalle brochure al sito internet e i social network, dalla pubblicità agli eventi. È quello che volevo, capire come si lavora, e ora posso dire che la comunicazione aziendale è ciò che mi piace fare. Inoltre, da quando hanno visto che so muovermi, mi danno molta libertà. Per adesso ho un contratto a progetto, ma se tutto va bene a fine anno mi faranno un contratto a tempo indeterminato con tutti i benefit aziendali”.

E che cosa ti è stato più utile per trovare così presto lavoro? Fortuna, determinazione, preparazione, passione?
“Mi è servito intanto il voto di laurea, il 110 e lode posiziona il curriculum prima di altri. Ma nel mio caso credo abbiano avuto un ruolo anche la voglia di fare, l’intraprendenza e l’aver frequentato un corso di web design, che è una competenza che le aziende cercano. E poi anche la conoscenza dell’inglese: ho vissuto tre mesi a Londra e ho un certificato Toefl con un buon voto, tanto che ora, se chiamano in azienda clienti stranieri li passano direttamente a me”.