Università

Operare per un domani ecosostenibile

25 Agosto 2011

Da più di vent’anni si occupano di architettura formando, attraverso la stretta collaborazione con otto tra gli atenei italiani più importanti del settore e in collaborazione con alcune prestigiose università europee, laureati specializzati nel campo della progettazione ecosostenibile e della gestione consapevole delle risorse energico ambientali. E’ il team di esperti che lavora all’interno del master di secondo livello in Architettura Bioecologica e Innovazione Tecnologica per l'Ambiente. “L’esigenza, espressa sia dalle pubbliche amministrazioni che dalle aziende, di incrementare il numero di opere efficienti e a basso impatto ambientale, puntando su un tipo di pianificazione e gestione urbana e territoriale innovativa, ecocompatibile e finalizzata al risparmio energetico, hanno reso sempre più necessaria la preparazione di figure professionali di alto livello, capaci di rispondere a problematiche oggi di preoccupazione comune”. Il professore Marco Sala, direttore del centro ABITA, ordinario di Tecnologia dell'Architettura all’ateneo fiorentino e coordinatore Progetto Abitare Mediterraneo, illustra le ragioni che hanno portato al successo del master. “Siamo nati in risposta a precise richieste di mercato e nel corso di questi anni abbiamo visto crescere in modo esponenziale il numero degli iscritti grazie all’interesse suscitato dalla materia e all’elevato tasso occupazionale che questo tipo di formazione riesce a garantire a giovani neolaureati e professionisti”.

Un master nato in tempi ancora non sospetti, che ha il merito di aver individuato un fetta di mercato, tra le poche che ha conosciuto solo marginalmente gli effetti della crisi di questi ultimi anni.
“Si tratta di un corso post laurea nato e cresciuto in risposta all’elevato interesse maturato da privati e enti pubblici nei confronti della progettazione sostenibile e della gestione consapevole delle risorse energetico ambientali.  Tematiche che, in base alle recenti direttive dell’Unione Europea, hanno avuto e stanno avendo un impatto economico e sociale sempre più forte in moltissimi paesi del mondo. Dall’Europa all’America, da Giappone all’Australia, tutti si stanno impegnando sul fronte della costruzione ecosostenibile riscoprendo il valore che concetti come rispetto, tutela e valorizzazione dell’ambiente circostante portano inevitabilmente con se. Questo ha protetto il settore dalla crisi finanziaria del 2007, favorendo l’occupazione di laureati, architetti e ingegneri specializzati che hanno scelto di lavorare nell’ambito.  Tuttavia, nel nostro paese la progettazione ecosostenibile è un concetto che fatica a passare: si sta diffondendo solo negli ultimi anni, in netto ritardo rispetto al contesto internazionale, e sulla scia della recessione profonda che ha colpito l’edilizia tradizionale. Basti pensare che il settore residenziale costituisce l’80% del fatturato, questo spiega perché oggi siamo al collasso e perché si stia lavorano su un suo ridimensionamento e sulla formazione di figure professionali con competenze nuove, attente alla sostenibilità ambientale”.

Il master, giunto ormai alla sua decima edizione è tra i più quotati a livello internazionale, perché?

“Grazie all’alto grado qualitativo della faculty costituita da docenti e professionisti del settore di fama internazionale, allo stretto rapporto istaurato dal nostro ateneo con alcune delle università europee, londinesi, francesi, greche, portoghesi e spagnole, all’avanguardia nel settore e al network di aziende, centri di ricerca, enti pubblici e studi professionali di comprovata esperienza in cui gli studenti possono trovare lavoro, il master è diventato oggi un bacino professionale importante. Non a caso, abbiamo visto crescere il numero di iscritti di edizioni in edizione proprio grazie all’alto tasso occupazionale garantito già a un anno dal conseguimento del titolo. Da questo punto di vista, il master si presenta come un unicum nel panorama formativo attuale perché mira ad offrire metodi e strumenti operativi destinati all’intervento diretto e alla progettazione dell'ambiente in prospettiva eco-sostenibile”.

Che figure professionali formate?
“Prepariamo esperti nella progettazione e gestione eco-responsabile urbana e territoriale. Laureati e professionisti in grado di gestire problematiche tecniche, economiche e normative molto precise, dotati di specifiche competenze nel campo del project management e di conoscenze strategiche finalizzate alla diffusione delle energie rinnovabili e alla loro integrazione nell’ambiente costruito, aggiornati sulle procedure e in possesso di strumenti innovativi, di forte impatto sociale, nel campo dell’edilizia, sia che si tratti di nuove costruzioni che del recupero di strutture preesistenti. Al master partecipano infatti non solo neolaureati in architettura e ingegneria, ma anche liberi professionisti interessati ad acquisire specifiche competenze nella settore della progettazione, tecnici e funzionari di pubbliche amministrazioni, enti locali e imprese impegnati nello sviluppo sostenibile del territorio..

Come si articola la didattica del master?

“Il master ha durata annuale, si divide in otto moduli formativi, pianificazione urbana sostenibile, architettura bioclimatica, gestione delle risorse naturali, certificazione e simulazione energetica
degli edifici, progettazione integrata dei sistemi fotovoltaici e solare termico, illuminazione naturale e artificiale, valutazione economica dei progetti. Una parte del corso è dedicata a studi e progettazioni specifiche dal punto di vista geografico e culturale destinate alla costruzione di ambienti ecosostenibili che si affacciano sul bacino del Mediterraneo. Completano il quadro, attività di laboratorio, seminari e la didattica interattiva. Infine, il tirocinio che tutti gli iscritti possono svolgere in aziende, studi professionali, enti pubblici o privati, in Italia e all'estero. E’ previsto, qualora lo studente fosse interessato, la frequenza di uno o più moduli all'estero in università, imprese, studi professionali e centri di Ricerca internazionali. consorziati con il Centro ABITA”.

Dati relativi all’edizione 2011-2012
Numero massimo di iscritti: 50
Inizio lezioni: novembre 2011
Costo del master: 6.000 euro
Per informazioni
email: abita@taed.unifi.it
tel. 055/2055529-2055556 
fax 055-2055599
sito del master: http://www.centroabita.unifi.it/CMpro-v-p-12.html