Lavoro

Wakamatsu in Italia

16 Novembre 2011

“In Italia, paese con una tradizione di storia e cultura tra le più antiche del mondo, esiste il problema di trasferire cultura alle generazioni successive e di aumentare la competitività. Bisogna alimentare il desiderio di sapere e migliorarsi. Ma non solo studiando, anche andando nel ‘genba’ (luogo reale, in giapponese), il luogo dove avvengono le cose”. Sono le parole di Yoshihito Wakamatsu, guru del sistema di produzione Toyota, in un’intervista del 2009 pubblicata da “Sistemi&Impresa”. Ora il consulente giapponese è tornato in Italia, a Bologna, per incontrare imprenditori, manager e giovani laureati.

Yoshihito Wakamatsu portato in Italia da Considi, società di consulenza direzionale, partner esclusiva italiana del “Sensei” (in giapponese: “maestro”), ha risposto ad alcune alcune domande sull’applicazione del TPS nelle Pmi: perché si possono abbattere i costi? Come individuare gli sprechi? Perché le Pmi possono competere?
Un momento di impatto per il sistema impresa del territorio emiliano, terra di tradizione metalmeccanica che sta assistendo alla chiusura di aziende storiche. “Le imprese, con il loro management, lavorano per produrre beni o servizi, ma questi devono essere utili alla gente – è il pensiero di Wakamatsu - Oggi il mondo ha bisogno di un management responsabile che sappia coniugare etica e business”.
L’evento è stato organizzato da Toyota Material Handling Italia e da CONSIDI con il patrocinio di Unindustria Bologna e il sostegno di AlmaLaurea.

Wakamatsu da 50 anni alfiere del sistema di produzione Toyota (TPS), uno degli ultimi discepoli di Taiichi Ohno è il massimo esperto mondiale del modello che ha dato vita al Lean Thinking. Dopo una lunga esperienza nello staff dirigenziale di Toyota Motor Corporation, si è dedicato all’applicazione, al miglioramento e alla diffusione del Toyota Production System, in stretta collaborazione con Taiichi Ohno. Ha guidato progetti di consulenza in Giappone, Russia, Corea, Cina e altri Paesi dell’Estremo Oriente. Nel 1992 ha fondato la società di consulenza Culman, di cui è attualmente presidente. È autore di oltre 50 volumi, tradotti in molti Paesi asiatici.