Chi siamo

AlmaLaurea al servizio dei laureati, delle università e delle imprese

Ad AlmaLaurea è stata data vita nel 1994 all’Università di Bologna (per iniziativa di un docente di statistica sociale, Andrea Cammelli, e due giovani collaboratori, Angelo Guerriero e Angelo di Francia), con tre grandi intuizioni, rimaste uniche nel panorama europeo ed internazionale:

a. consentire agli atenei (ed ai diplomati delle scuole secondarie) dopo quattro mesi dalla fine dell’anno accademico di conoscere esattamente come e quando i neo dottori si sono laureati per corso di laurea (giovani con nessuna esperienza di lavoro, oppure che lavoravano abitualmente), con percentuali di risposte elevatissime (100 per cento dagli atenei; quasi identiche dai laureati).

b. consentire agli atenei di comprendere, per corso di laurea, quale percentuale di laureati è occupata dopo 1, 3, e 5 anni dalla laurea (oltre a quanto guadagnano, quanto utilizzano le competenze acquisite, da quale famiglia provengono, quanti hanno fatto esperienze di studio all’estero -Erasmus- o attraverso esperienze di lavoro in azienda nel corso degli studi, ecc.); con percentuali elevatissime (oggi 86 per cento ad 1 anno; 80 a tre anni; 75 a cinque anni).

c. mettere a disposizione delle aziende italiane ed estere tutta la documentazione disponibile, aggiornata dagli stessi laureati e tradotta in inglese. Ogni anno il complesso dei curricula richiesti da aziende italiane ed estere supera le 400mila unità, con un modesto contributo a carico delle aziende che si abbonano (0,65 euro a curriculum).

Ad oggi AlmaLaurea rappresenta quasi l'80% dei laureati italiani (1.988.000 cv presso 65 Atenei italiani al 04/11/2014) e si è arricchita di 57 dipendenti, esperti.

Non ci siamo mai fermati: senza interessi politici o economici. Anzi, abbiamo esteso il modello alla scuola secondaria superiore con AlmaDiploma ed AlmaOrièntati.

AlmaLaurea è fortemente impegnata sull’internazionalizzazione dei propri servizi nell’ottica di una società europea della conoscenza, così come fissata dalla strategia di Lisbona. L’obiettivo è stabilire rapporti di cooperazione in Europa e a livello extra-europeo, con particolare attenzione al bacino del Mediterraneo, offrire a partner esteri le proprie competenze per la costituzione di reti di Atenei e banche dati di laureati, costruire network internazionali utili alla valorizzazione dei giovani.

 

APPROFONDIMENTI

"Quando la documentazione dell'università italiana - a livello europeo - è inesistente"

I riconoscimenti della stampa e delle istituzioni italiane ed estere

Hanno detto di AlmaLaurea  (Alcune recenti affermazioni sul ruolo di AlmaLaurea)

Intervista al Prof. Andrea Cammelli per Genus Bononiae (la nascita, il percorso e gli obiettivi del Consorzio AlmaLaurea dalle origini ad oggi)

Questa pagina è disponibile in altre lingue: