Indagini

L’indagine 2021 sulla condizione occupazionale di laureati, dottori di ricerca e diplomati di master è partita

Al via la XXIV Indagine AlmaLaurea: le risposte forniranno lo scenario su occupazione, contratto, professione svolta, retribuzione e coerenza del lavoro con gli studi.

È partita la XXIV Indagine di AlmaLaurea sulla Condizione occupazionale dei laureati che riguarda oltre 600mila laureati di 76 Atenei, intervistati a uno, tre e cinque anni dal conseguimento del titolo. Coinvolti anche oltre 15mila dottori di ricerca e diplomati di master di 46 Atenei.

I pochi minuti di tempo che chiediamo per la compilazione del questionario sono fondamentali per migliorare i corsi di studio e contribuire a un inserimento più efficace dei laureati nel mondo del lavoro. La partecipazione di tutti i laureati, dottori di ricerca e diplomati di master è importante per arricchire il patrimonio di dati utile a mettere a punto nuovi servizi, strumenti di informazione e strategie di orientamento.

La rilevazione, che si svolge nel pieno rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali, approfondisce le modalità e i tempi di inserimento nel mondo del lavoro (contratto, professione svolta, retribuzione, coerenza con gli studi compiuti…) e rappresenta quindi, per tutte le persone coinvolte, un’importante occasione per far sentire la propria voce.

La documentazione, inoltre, fornirà alle Università, al Ministero e all'Anvur (Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca, che cura la valutazione esterna della qualità delle attività delle Università) una base informativa completa e tempestiva su cui realizzare le proprie valutazioni.
 

Maggiori informazioni sul metodo di rilevazione